Cerca

Le previsioni

Economia, l'Fmi gela Letta e Saccomanni:
nel 2014 Italia peggior paese avanzato

Il Fondo monetario abbassa le stime sulla crescita del Belpaese dal +0,7 al +0,6%. A confronto Gran Bretagna e Usa cresceranno del 2,8 e 2,4%.

Enrico Letta e Fabrizio Saccomanni

Enrico Letta e Fabrizio Saccomanni

L'anno della rinascita, della ripresa e chi più ne ha più ne metta. Così, sul finire del 2013, sia il presidente del Consiglio Enrico Letta sia il suo "ragioniere" Fabrizio Saccomanni, avevano descritto il 2014. Sono perà bastate tre settimane appena per beccarsi la prima doccia gelata. E mica un gavettone: a smorzare gli entusiasmi della ditta Letta & Co. è stato oggi nientemno che il World economic outlook del Fondo monetario internazionale. Cioè l'analisi che la massima istituzione economica globale compie all'inizio di ogni anno per dire, secondo i dati in sup possesso, come andrà l'economia in ogni angolo del mondo. E per l'Italia la prospettiva è non solo sconfortante e avvilente, ma addiruttura umiliante. Perchè il nostro sarà nel 2014 il Paese con il livello di crescita più basso tra tutte le economie avanzate del globo, con un +0,6% . E l'unico, sempre fra le economie avanzate, che abbia subito una revisione in senso peggiorativo delle previsioni dell’ottobre scorso relative alla crescita del Pil (che era stata prevista a un +0,7%).

Al contrario, il Fondo riscrive al rialzo la maggior parte delle stime, con veri e propri balzi come quello previsto per la Gran Bretagna, che nel 2014 dovrebbe vedere la propria economia crescere del  2,4%, contro il +1,8% di tre mesi fa. Gli Usa faranno segnare una crescita del 2,8%, mentre l'Eurozona si limiterà a un +1%, frutto di andamenti estremamente differenti. Fra le altre grandi economie il Fondo prevede un Pil in crescita  dell’1,7% per il Giappone (in miglioramento di 0,4 punti), del 2,2%   per il Canada (+0,1 punti) e del 7,5% per la Cina (+0,3 punti). Male   invece la Russia, con una crescita in frenata al +2,0% (1 punto in   meno rispetto a ottobre) e il Brasile al +2,3% (-0,2 punti). Quanto all’India per il 2014 il Fondo stima una accelerazione della crescita al 5,4%. Accelera la ripresa dell’economia mondiale con un Pil globale che dopo il +3,0% dello   scorso anno, nel 2014 dovrebbe salire del 3,7% per poi crescere ancora  l'anno successivo del 3,9%.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    24 Gennaio 2014 - 21:09

    come il tua alito. Smetti di coprirti la bocca con la mano, tanto le cazzate continue che dici non fregano più a nessuno.

    Report

    Rispondi

  • encol

    22 Gennaio 2014 - 19:07

    hanno già procurato danni irrecuperabili in aggiunta a quelli del precedente esecutivo. Dobbiamo proprio avere le pezze al culo per accorgerci?????

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    22 Gennaio 2014 - 13:01

    Non serviva il Fmi per sapere che abbiamo un presidente della repubblica e un governo in carica e una classe politica di coglioni rimbecilliti. Ma quello che maggiormente rabbrividisce è che alle prossime elezioni ci saranno milioni di coglioni di italiani che voteranno la solita feccia politica di incapaci e il giorno dopo ritorneranno a lamentarsi.

    Report

    Rispondi

  • AlexFG

    22 Gennaio 2014 - 08:08

    Dove deve andare il paese con la coppia letta-saccomanni? Non credo lontano. Hanno preso una cantonata dietro l'altra. Hanno solo messo le mani nelle tasche degli, ormai poveri, italiani. Nessun provvedimento serio di tagli alla spesa. Un solo commissario che tra 3 anni, forse, taglierà il 2 percento della spesa pubblica. Che sforzo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog