Cerca

L'editoriale

I veri comici ormai sono i politici

Tutti sparano sul Cavaliere, ma da Giannino a Prodi fino a Monti ecco chi fa davvero ridere

19 Febbraio 2013

9

di Maurizio Belpietro

Il nuovo che avanza ha la faccia di Romano Prodi e Massimo D’Alema.  Fiutando aria di vittoria, i due galli  si sono beccati ieri nel pollaio della sinistra. Ha cominciato il primo, salendo sul palco di fianco a Pier Luigi Bersani e distillando una delle sue massime.  Il senso  più o meno era questo: votateci perché siamo cambiati, non siamo più quelli del passato, la lezione l’abbiamo imparata. Ogni riferimento a quanto accaduto ai precedenti governi del professor Mortadella  ovviamente era voluto, in particolare alla loro fine prematura.  Il primo esecutivo a guida progressista, come è noto, finì anticipatamente a causa delle liti interne e il solo a beneficiarne fu Massimo D’Alema, il quale grazie alla caduta di Romano si fece issare sulla poltrona di Palazzo Chigi in sua sostituzione, nonostante nessun italiano l’avesse mai eletto al soglio di primo ministro.  L’ex segretario dei Ds deve essersi risentito per la battuta del professore e perciò ha replicato da par suo, invitandolo, tramite Velina rossa, a stare al proprio posto senza allargarsi, perché chi entra Papa in conclave è probabile che ne esca cardinale. Anche in questo caso, ogni riferimento alle ambizioni di Mortadella di divenire presidente della Repubblica era ovviamente voluto.  È chiaro che Prodi negherà fino alla morte, ma il suo ritorno dall’Africa ha come obiettivo il Colle. Bruciata la candidatura di Monti per il prestigioso incarico, l’ex presidente della commissione Ue ritiene che le stanze del Quirinale  attendano solo lui e dunque è riapparso di fianco al segretario del Pd per testimoniare la sua esistenza in vita.  Già questo basta e avanza per dimostrare che se Bersani vincerà le elezioni succederà esattamente il contrario di quel che Romano Prodi ha preannunciato a Milano. Se oggi la sinistra si presenta compatta e pare aver lasciato da parte le antiche divisioni che l’hanno resa celebre per incapacità di governare più di un biennio, è quasi certo che passata la festa, i compagni si rivolgeranno contro se stessi per farsi la festa. 

Chi invece la festa non la farà né prima né dopo sono i centristi, i quali hanno sbagliato proprio tutti i conti (mica male per una coalizione guidata da un economista). Erano convinti che il Professore li avrebbe portati se non in Europa per lo meno a Palazzo Chigi e invece più si avvicina la data di scadenza e più si rendono conto che li porterà solo alla sconfitta.  Se ne deve essere accorto colui che un tempo fu il capo della destra italiana, il quale ha un radioso futuro dietro alle spalle. Presentandosi ad un comizio ad Agrigento convinto di essere come un tempo capace di infiammare le folle, Gianfranco Fini  si è trovato invece a contare le falle, nel senso che il teatro prenotato per l’occasione aveva una platea piena di buchi.  Le poltrone erano occupate da poche decine di persone, ma non di militanti, bensì di ragazzini trascinati all’appuntamento da genitori crudeli che hanno voluto infliggere ai piccoli perfino la tortura di un comizio del presidente della Camera.  Da un pezzo la fiamma di Fini non arde più, ma il discorso alle sedie vuote del teatro di Agrigento ha spento anche l’ultimo barlume rimasto, al punto che lo stesso Gianfranco se n’è andato con il muso lungo.  Quanto al suo leader va anche peggio. Più alza i toni come gli hanno spiegato i superconsulenti prestatigli da Obama e più si abbassano i consensi, che ora, a detta degli esperti, minacciano addirittura di scendere sotto il dieci per cento, soglia minima di sopravvivenza, sotto la quale né Monti, né Fini, né Casini entrerebbero in Parlamento.  

Ma a proposito di declino, anche la sparuta pattuglia che intendeva fermarlo rischia di finire su un piano inclinato.  È di ieri la notizia che ancor prima di fare l’esordio alle prossime elezioni, Oscar Giannino e i suoi hanno cominciato a litigare. In particolare, ad avere lasciato il movimento accusando il suo fondatore di essere un bugiardo è stato il professor Luigi Zingales, uno che ha un curriculum accademico alto una spanna e insieme a un altro paio di docenti faceva parte del comitato scientifico di Fare. Che cosa ha indotto il luminare a sbattere la porta? A leggere il comunicato del professore si capisce che Giannino si sarebbe vantato di aver conseguito un corso in una prestigiosa università americana, la stessa in cui insegna Zingales, ma fatte le verifiche l’economista avrebbe scoperto che si tratterebbe di una balla grossa come una casa, al punto che Oscar avrebbe corretto dicendo di essere andato negli Usa solo per imparare l’inglese. La giustificazione non ha convinto il docente, il quale presa carta e penna ha rimproverato al giornalista scarsa onestà e trasparenza, accusandolo di aver mentito sulle sue credenziali accademiche. 

Insomma, prima ancora di cominciare, le nuove Camere si preannunciano uno spasso. Prodi, D’Alema e gli altri presunti vincitori che si mollano sganassoni pur di conquistare uno strapuntino. Monti ridotto a fare il centrino sotto tavola a Fini e Casini,  due che insieme non fanno un partito.  E prima ancora di Fare, Giannino e gli altri professori  si disfano. Non c’è che dire. Se questo è il prologo, dopo il 24 febbraio assisteremo ad un bello spettacolo. E pensare che danno del comico a Grillo e del capocomico a Berlusconi.  

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • metallurgico

    10 Marzo 2013 - 13:01

    vedremo come andra' a finire questa storia iniziata 20 anni fa' con la crociata contro le grandi imprese e proseguita con l'euro e la contestuale perdita di sovranita' monetaria.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    19 Febbraio 2013 - 22:10

    Caro Direttore,come Lei, di persone dfacendo il sindacalista a livello nazionakle e questo non è un bidone è vero e se ne può sincerare; ero molto conosciuto quando lavoravo ed avevo l'età per farlo ma, domando, pur con le scuole medio superiori e la stessa UNIVERSITà DELLA STRADA E DEL LAVORO dove se non vali ti prendono a calci subito e se dici bugie ti incominciano a chiamare " il pappolaro" a Roma tra i romani non si scherza. Ti amano ma se li vuoi prendere per il naso allora, so guai. Credo che è mpolto meglio fare una belle figura se co n la quinta elementare scriti una bella lettera se invece con la maturità classica, dopo averlas scritta, più di qualcuno ti dice: ma a quale cazzio di scuola di scemi sei stato ? - questo è il frorbito linguaggio dell'Università di Tor Pignattara. Cari saluti.

    Report

    Rispondi

  • mejova

    19 Febbraio 2013 - 17:05

    Il comico mi fa ridere, mi distrae dai problemi quotidiani. I politici sono delle persone indegne, delle zecche che hanno succhiato il sangue degli italiani per anni e che non si vogliono staccare. Adesso destra e sinistra con le loro promesse di fare quello che non hanno fatto non mi fanno ridere. Dal 94 in poi cosa hanno votato, chi hanno mandato avanti, chi ha appoggiato Monti, chi non ha tagliato quando era il momento di tagliare? Voglio più comici e meno politici!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media