Cerca

Orrore

Jihadisti, l’Isis: "L’ostaggio britannico David Haines è stato decapitato"

Jihadisti, l’Isis: "L’ostaggio britannico David Haines è stato decapitato"

Un'altra vittima dell'orrore. I miliziani dell’Isis hanno giustiziato un altro ostaggio, decapitandolo. Lo riferisce l’account Twitter «Isis Urdu», che mostra le immagini della decapitazione dell’operatore umanitario britannico David Haines, 44 anni scozzese, rapito lo scorso anno in Siria. Proprio oggi la famiglia di Haines aveva lanciato un appello ai rapitori, chiedendo di mettersi in contatto con loro. "Questo britannico", afferma la voce di un miliziano dell’Isis nel filmato della decapitazione, "paga il prezzo della tua promessa, Cameron, di armare i peshmerga contro lo Stato islamico".

Chi era la vittima - David Haines, preso dall’Isis nel marzo del 2013, lavorava alle organizzazioni umanitarie dal 1999 ed era alla sua prima missione in Siria con una Ong francese come responsabile della logistica nel campo profughi di Atmeh, vicino al confine con la Turchia. Era stato visto vivo l’ultima volta nel filmato che mostrava l’uccisione dell’ostaggio americano Steven Sotloff, che come lui indossava una tuta arancione. Nel filmato della decapitazione di Haines l’Isis mostra un altro ostaggio britannico, Alan Henning, e minaccia di giustiziarlo. La macchina infernale dei tagliagole non si ferma. Ormai è sfida aperta all'occidente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog