Cerca

Mosca si difende

Vladimir Putin: "Attaccare la Nato mai, ma loro ci minacciano. Gli Usa vogliono la leadership in Europa"

Vladimir Putin: "Attaccare la Nato mai, ma loro ci minacciano. Gli Usa vogliono la leadership in Europa"

Valdirmi Putin conta sull’Italia per riuscire a disinnescare la crisi apertasi con l’Occidente lo scorso anno sulla crisi ucraina. "L’Italia ha dato e dà un contributo notevole allo sviluppo del dialogo tra la Russia e l’Europa e anche con la Nato in generale. Tutto ciò crea rapporti speciali tra i nostri due Paesi", ha detto il presidente russo in una lunga intervista rilasciata a Paolo Valentino per il Corriere. "La visita dell’attuale presidente del Consiglio italiano in Russia è stata un segnale molto importante della disponibilità dell’Italia all’ulteriore sviluppo di questi rapporti. Noi siamo pronti e disposti ad andare avanti tanto quanto lo saranno i partner italiani. Spero che anche il mio viaggio a Milano (10 giugno) serva a questi obiettivi", ha puntualizzato Putin spiegando la rilevanza delle relazioni tra Roma e Mosca. "Non è stata colpa della Federazione Russa se i rapporti con i Paesi dell’Unione Europea si sono deteriorati. Non siamo stati noi a introdurre certe limitazioni nel commercio e nell’attività economica. È stato fatto contro di noi e siamo stati costretti ad adottare contromisure. Però i rapporti tra Russia e Italia effettivamente hanno sempre avuto carattere privilegiato sia in politica che nell’economia". L’inquilino del Cremlino tanto apprezza l’Italia quanto non nasconde la sua delusione per come, dice, è stato tratta dall’Europa: "Ho l’impressione che sia l’Europa a cercare di costruire con noi rapporti puramente su base materiale ed esclusivamente a proprio favore. Parlo per esempio dell’energia, dell’accesso sui mercati europei negato alle nostre merci nel campo nucleare, nonostante i tanti accordi".

Missili Usa - Putin risponde ai Paesi della Nato, come i baltici e la Polonia, che si sentono minacciati dalla Russia. "Le spese militari degli Stati Uniti sono superiori alle spese militari di tutti i Paesi del mondo messi insieme. Quelle complessive della Nato sono 10 volte superiori a quelle della Federazione Russa. La Russia praticamente non ha più basi militari all’estero. La nostra politica non ha un carattere globale, offensivo o aggressivo". Poi fa degli esempi: "A volte mi fanno osservare che i nostri aerei volano fin sopra l’Oceano Atlantico. Il pattugliamento con aerei strategici di zone lontane lo facevano solamente l’URSS e gli USA all’epoca della guerra fredda. Ma la nuova Russia, all’inizio degli anni Novanta, lo ha abolito, mentre i nostri amici americani hanno continuato a volare lungo i nostri confini. Per quale ragione? Così alcuni anni fa abbiamo ripristinato questi sorvoli: ci siamo comportati aggressivamente? Vicino alle coste della Norvegia ci sono i sommergibili americani in servizio permanente. Il tempo che ci mette un missile a raggiungere Mosca da questi sottomarini è di 17 minuti. E volete dire che ci comportiamo in modo aggressivo?.

L'aggressività della Nato - Il presidente russo accusa poi la Nato dell’allargamento a Est. "Noi non ci muoviamo da nessuna parte, è l’infrastruttura della Nato che si avvicina alle nostre frontiere". E ancora:  "Gli Stati Uniti sono unilateralmente usciti dall’Accordo sulla difesa antimissile, l’Abm, la pietra angolare su cui si basava gran parte del sistema di sicurezza internazionale". "Tutto quello che noi facciamo è semplicemente rispondere alle minacce nei nostri confronti", specifica Putin. "E lo facciamo in misura limitata, ma tale da garantire la sicurezza della Russia. O qualcuno forse si aspettava un nostro disarmo unilaterale? Un tempo avevo proposto ai nostri partner americani di costruirlo insieme in tre il sistema di difesa anti-missile: Russia, Stati Uniti, Europa. Questa proposta è stata rifiutata. Allora ci siamo detti, questo è un sistema costoso e ancora non ne conosciamo l’efficacia. Ma naturalmente per garantire l’equilibrio strategico, svilupperemo il nostro potenziale offensivo strategico e penseremo a sistemi in grado di superare la difesa antimissilistica. E vi devo dire che abbiamo fatto notevoli progressi in questa direzione".

Tattiche - Putin infine nega ogni tipo di atteggiamento minaccioso nei confronti della Nato. "Solo una persona non sana di mente o in sogno può immaginare che la Russia possa un giorno attaccare la Nato", tuona il presidente nell'intervista al Corriere. "Sostenere quest’idea non ha senso, è del tutto infondata. Forse qualcuno può essere interessato ad alimentare queste paure. Io posso solo supporlo. Ad esempio gli americani non vogliono tanto il ravvicinamento tra la Russia e l’Europa. Non lo affermo, lo dico solo come ipotesi. Supponiamo che gli USA vogliano mantenere la propria leadership nella comunità atlantica. Hanno bisogno di una minaccia esterna, di un nemico per garantirla. E l’Iran chiaramente non è una minaccia in grado di intimidire abbastanza. Con chi mettere paura? Improvvisamente sopraggiunge la crisi ucraina. La Russia è costretta a reagire. Forse tutto è fatto apposta, non lo so. Ma non siamo noi a farlo. Voglio dirvi: non bisogna aver paura della Russia. Il mondo è talmente cambiato, che oggi le persone ragionevoli non possono immaginare un conflitto militare su scala così vasta. Noi abbiamo altre cose da fare, ve lo posso assicurare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    12 Agosto 2015 - 05:05

    Prima devono eliminare la cina con la bolla immobiliare,in modo da fare scoppiare rivolte interne,poi quando il gigante rosso sarà crollato,o comunque sarà in condizioni di non nuocere scoppierà la guerra.Per il momento occorre ancora attendere.Abbiate fede.

    Report

    Rispondi

  • francori2012

    01 Luglio 2015 - 17:05

    Putin in questi anni ha provato il benessere che di più non si può.Se la malattia presunta non gli tocca il cervello,non può volere una guerra che ormai è davvero pericolosa.Certo Obama è un "Cretino al cubo". Ora sembra che voglia sfruttare anche l'Isis per i suoi giochetti politici. Con le sanzioni la Merkel ci sta facendo dei danni.Siamo nel Guanofino al collo. Francori2012

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    07 Giugno 2015 - 18:06

    Il commento del TROTA come sempre emerge per idiozia conclamata; il fatto non ci meraviglia perchè il tapino riesce solo in questo modo a dare il meglio di se stesso. Caro avannotto continui così ma non parli di egocentrismo perchè è un vocabolo troppo grande per lei, non ne capisce il significato.

    Report

    Rispondi

  • aldo delli carri

    07 Giugno 2015 - 17:05

    americani di mmerda, restate a casa, la festa è finita...w putin...

    Report

    Rispondi

    • Claudio1968

      26 Agosto 2015 - 15:03

      Daccordissimo, W Putin e abbasso Obama e i suoi marionettisti!!

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog