Cerca

Colpa del Timbersil

New Orleans, Brad Pitt scivola sull'ecoarchitettura: le sue case marciscono

Dopo l'uragano Katrina, l'attore dona 150 stabili al comune. Ma vuole che siano costruiti in maniera green. E 8 anni dopo...

New Orleans, Brad Pitt scivola sull'ecoarchitettura: le sue case marciscono

Le case ecosostenibili donate da Brad Pitt a New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina stanno marcendo. Almeno 30 delle 150 costruzioni che l'attore hollywoodiano nel 2005 ha tirato su attraverso la sua fondazione benefica Make it right denunciano, dopo meno di dieci anni, gravi danni comportati dall'umidità: funghi e muschio stanno crescendo su scale e tetti, e per gli interventi di manutenzione sui primi immobili sono già stati stanziati 150mila dollari. Il problema, riporta il giornale locale Wdsu News New Orleans, è che Brad Pitt ha voluto per fare ricorso all'ecoarchitettura, vale a dire alla scienza delle costruzioni attenta alla sostenibilità ambientale. Il risultato è che il Timbersil, compsto di legni e vetro con cui è costruito il quartiere benefico, non sta reggendo le infiltrazioni, con la conseguenza che gli stabili (tarati per affrontare un quarantennio senza problemi) hanno già bisogno di robusti interventi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brontolo1

    21 Marzo 2015 - 11:11

    letto sul cartello di una manifestante asiatico"green economy is a grid economy.."!

    Report

    Rispondi

  • dx

    05 Gennaio 2014 - 12:12

    ...

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    05 Gennaio 2014 - 09:09

    che peccato che siano finiti in queste ca$$ate idiote dell'ecologia da topolino che gli scemi coglioni ecologisti ci propinano (cosi' loro beccano le donne che vanno pazze per queste ca$$ate). e intanto la povera gente deve pagarne le conseguenze e aggiustare I danni.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    05 Gennaio 2014 - 08:08

    a costruire casacce di legnetti e cartongesso? A meno che anche la zona di New orleans sia a rischio sismico ,mi chiedo se abbia senso costruire case economicissime e non di mattoni o pietra per poi vedersele marcire in pochi anni o spazzate via dalla prima tempesta. Tra l'altro sicurezza zero , con una spallata abbatti una parete.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog