Cerca

Non era mai successo

Sentenza Ruby, il giudice firma l'assoluzione di Berlusconi poi lascia la toga

Sentenza Ruby, il giudice firma l'assoluzione di Berlusconi poi lascia la toga

Non era mai successo prima nella storia giudiziaria italiana. Enrico Tranfa, settant'anni, presidente del collegio della Corte d'Appello di Milano, ieri ha firmato le motivazioni della sentenza d'assoluzione di Silvio Berlusconi nel processo Ruby e poi si è dimesso. Un gesto clamoroso raccontato dal Corriere della Sera arrivato a ciel sereno: un gesto di protesta muto, non accompagnato da alcuna spiegazione formale al Csm e agli uffici giudiziari. Tranfa non era d'accordo con i colleghi Alberto Puccinelli e Ketty Locurto circa l'assoluzione dell'ex premier ma non poteva, come presidente del collegio, non firmare l'atto. L'ha fatto, ma poi ha abbandonato la toga dopo 39 anni di servizio. Disgustato ha mollato il suo lavoro in anticipo di 15 mesi rispetto alla pensione giudicando incompatible per lui finanche con la possibilità di continuare ad amministrare la giustizia, a pronunciare sentenze e a celebrare processi a imputati comuni usando lo stesso metro di valutazione e il medesimo standard probatorio utilizzati per analizzare le prove a favore o contro Berlusconi e infine per assolvero. Ieri, dopo il deposito delle motivazioni in Cancelleria, Tanfa ha lasciato il suo ufficio. E a nulla, raccontano Luigi Ferrarella e Giuseppe Guastella, è valso telefonargli per capire cosa fosse successo e per quali ragioni. "Le mie dimissioni sono lì, non ho altro da aggiungere", ha tagliato corto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alvaro.rec

    26 Ottobre 2014 - 13:01

    complimenti grande uomo di giustizia

    Report

    Rispondi

  • antoniobaldo

    24 Ottobre 2014 - 09:09

    se ti dimettevi prima avremmo risparmiato tempo e soldi.

    Report

    Rispondi

  • jborroni

    23 Ottobre 2014 - 07:07

    una persona seria e lo ha dimostrato con le sue dimissioni!!! gli stessi giudici adesso dovrebbero assolvere quella dozzina di gentiluomini che si sono fatti la ragazzina minorenne di Cuneo. Basta sentirsi dire che e' maggiorenne e fottetenne, come dicono a Napoli. Bravo berlusca, hai fatto comunque del bene, la marocchina si e' comprata case in mezzo mondo con i tuoi soldi

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    18 Ottobre 2014 - 13:01

    in Italia non c'è giustizia, come dice cuciz livio 17 October 2014 - 23:11 " questi giudici di sn non rappresentano di certo una giustizia obiettiva ed imparziale". Possibile che vengano inquisite persone solo i ricchi (v. berlusca e c.) e i potenti (v. politici e mafiosi) mentre i delinquenti per necessità non pagano mai.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog