Cerca

L'intervista

Questa suora dà lezioni a Renzi: così risparmi 17 miliardi l'anno

Questa suora dà lezioni a Renzi: così risparmi 17 miliardi l'anno

Suor Anna Monia Alfieri ha trovato la strada perché la scuola sia veramente buona. Lo ha fatto con la pazienza di una certosina, la passione di un' innamorata e la determinazione di chi sa che si sta giocando la partita della sua vita. Dopo lunghi studi, calcoli incrociati, analisi statistiche e con l' aiuto di grafici e tabelle è arrivata alla conclusione che la buona scuola non solo è possibile ma farebbe anche risparmiare allo Stato 17 miliardi di euro l' anno. Il risultato è nel libro Il diritto di apprendere (Giappichelli), scritto insieme al professore di economia e gestione aziendale Marco Grumo e alla commercialista Maria Chiara Parola. Il libro, con la prefazione del ministro dell' Istruzione Stefania Giannini, sarà presentato alla Camera il prossimo 18 dicembre.

Suor Anna Monia è esperta di politiche scolastiche, legale rappresentante dell' ente Casa religiosa Istituto di cultura e di lingue Marcelline, presidente della Fidae Lombardia e docente universitaria all' Alta scuola impresa e società della Cattolica: ci può spiegare qual è questa formula magica. Come si fa a risparmiare tanti soldi e avere anche una scuola migliore?
«Una premessa: l' Italia è l' unico paese d' Europa in cui alle famiglie è negato il diritto alla scelta educativa. Di fatto oggi chi sceglie la scuola paritaria paga due volte: la retta e le tasse. E poi ci sono famiglie che per i propri figli vorrebbero una scuola paritaria ma non possono permetterselo. Non è una questione ideologica, ma sociale».

E come si risolve questo problema secondo lei?
«Con il costo standard di sostenibilità per ogni allievo, sia della scuola statale che di quella paritaria. Oggi lo Stato spende 8mila euro l' anno solo di spese correnti per ogni alunno a prescindere dal corso di frequenza, cioè sia che si tratti di un bimbo di tre anni che di un liceale. Ma questo è illogico oltre che dispendioso. Dai nostri calcoli è emerso che il costo standard per allievo è di varie tipologie. Ad esempio per un bambino che frequenta la scuola dell' infanzia il costo è di 3.200 euro. Se le condizioni della famiglia sono disagiate sale a 4.573 euro. Ovviamente se in classe c' è un disabile la cifra aumenta. Certo è che in nessun caso si arriva agli 8mila euro che adesso spende lo Stato. Il libro è pieno di tabelle che spiegano, tenendo conto di tante variabili, quanto costa un alunno. Spero che Renzi, a cui ho mandato una copia, lo legga e si renda conto di quanto potrebbe risparmiare».

Con il costo standard di sostenibilità lo Stato farebbe quello che fa normalmente un buon amministratore?
«Sì. Spenderebbe i soldi che servono effettivamente per ciascun alunno a seconda della scuola e del corso di studi che frequenta. Altro che spending review: così risparmierebbero 17 miliardi di euro l' anno. Ci sarebbe una vera concorrenza tra scuole sotto lo sguardo dello Stato che da gestore diventerebbe garante. La qualità dell' istruzione migliorerebbe. Le famiglie potrebbero scegliere in base alle prestazioni, alla trasparenza dei bilanci e sarebbero finalmente sanate una serie di ingiustizie sociali. Questa è la battaglia della mia vita. Per questo sono disposta anche a morire».
Suor Anna Monia, lei non è una suora «facile».
«Non sono più brava, forse sono solo più folle. Nell' immaginario collettivo la suora è una persona fuori dal mondo. Io invece, come molte altre religiose, voglio starci dentro a questo mondo. Voglio sporcarmi le mani». 

Lei ha tre lauree. Giurisprudenza, teologia ed economia e commercio. Ma cosa voleva fare da grande?
«All' età di sette anni avevo detto a mia madre che volevo diventare suora. Ma la vocazione è arrivata molto più tardi.
In realtà da grande volevo fare il magistrato. I miei modelli erano, e sono ancora, Falcone e Borsellino. Sono esempi di coraggio, libertà ed etica».

Poi cosa è successo?
«Mi sono laureata e ho cominciato a fare pratica presso uno studio legale. Ma quando mi sono trovata a difendere un uomo sapendo che era colpevole, dentro di me è successo qualcosa. Sul codice penale avevo studiato che la pena è redentiva, non detentiva. Ho capito che la mia idea di giustizia si realizza su un altro piano, quello etico. La giustizia che si fa nei Tribunali a me non bastava. Da qui è nata un' altra sfida».
È diventata suora.
«Ho deciso di giocarmi la mia storia d' amore con Dio lottando nel mondo, cercando di cambiarlo. Sono una religiosa consapevole che alla base ci debba essere una laicità aperta al senso civico. E ancora agisco guardando al modello dei due magistrati siciliani. Non dico che si debba essere ammazzati, ma bisogna dare fastidio. Se non sei scomodo significa che non stai facendo bene il tuo lavoro. Penso alle parole di Falcone: "Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e cammina a testa alta muore una sola volta". Io parlo».
Lei dà molto fastidio nel mondo della scuola… «Io chiedo solo il riconoscimento di un diritto. Non è solo una questione ideologica. Molti pensano: "Sei una suora, difendi le scuole cattoliche". No, io difendo le famiglie. Anche quelle che scelgono per i figli la scuola statale. Perché con il costo standard di sostenibilità tutti avrebbero una scuola migliore. Più trasparente, più competitiva».

Ma cosa pensa della buona scuola di Renzi?
«La sua riforma ha lanciato dei buoni segnali. Ha chiuso con i precari e con l' idea della scuola come ammortizzatore sociale. Finalmente avremo docenti che vanno nelle aule dopo aver superato concorsi e dopo aver frequentato corsi di formazione, insegnanti che saranno valutati per la loro capacità. E ha finalmente introdotto la possibilità di detrarre la retta scolastica».

Lei sa tutto di scuola, quanto lavora ogni giorno?
«Dalle otto all' una di notte (tolte le due ore di preghiera)».

Si è mai pentita della sua scelta?
«Lei si è mai pentita della sua vita? Ha mai pensato di scappare dal marito, dai figli?
Sì, soprattutto quando sono stanca. Ma io non sono una suora.
«Io ho avuto delle crisi rispetto alla Chiesa, non alla scelta. Ma mi sono detta: "Puoi scendere dal palcoscenico della tua vita e giudicarlo, oppure starci sopra e sporcarti le mani per ripulirlo". Ho scelto la seconda strada. Io sono una peccatrice come gli altri».

Ha mai avuto dei fidanzati?
«Sì, da adolescente. Ma ho sempre avuto dentro un amore grandissimo che nessuno riusciva a colmare».
Suor Anna Monia, più la sento parlare più fatico ad immaginarla in un convento. La vedo benissimo nell' aula di un Tribunale.
«Non avrei potuto fare la suora di clausura. La mia vocazione mi porta nelle periferie dell' esistenza dell' uomo».

Lei quando e come esplora queste periferie?
«Quando si presenta una famiglia senza soldi che vorrebbe iscrivere i suoi figli in una scuola paritaria ma non può farlo. E allora che facciamo? La rimandiamo a casa? No, ipotechiamo i nostri immobili per dare anche a questi bambini la possibilità di studiare nella scuola che desiderano i loro genitori».

Quanto guadagna?
«Zero. Sono rappresentate legale che, in un' azienda, equivale all' amministratore delegato, con 600 dipendenti, ma non voglio togliere soldi alla cassa delle mie scuole. Non mi intessa il denaro. Mi interessa parlare e vincere la battaglia della libertà di scelta educativa delle famiglie».

Quanto manca?
«Finché vivo farò di tutto perché questo accada presto, prestissimo».

Lucia Esposito 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alessandri.carlo

    03 Maggio 2016 - 08:08

    Ma gli sprechi e le clientele finirebbero ?? Allora i politici con cosa mangerebbero?? Porelli!! Li vedi tutti col saio??

    Report

    Rispondi

  • bryology

    10 Dicembre 2015 - 01:01

    Cicero pro domo sua.... meglio dare i soldi ai cattolici, del resto già con la sussidiarietà hanno vinto la lotteria, ora pure la scuola, e lo Stato laico (e la scuola laica) vanno a quel paese... con buona pace della Costituzione che dice che enti e privati sono liberi di istituire scuole ed istituti di educazione, purché non ne derivi alcun onere finanziario per lo Stato...

    Report

    Rispondi

    • S.BIAVASCHI

      07 Maggio 2016 - 07:07

      Veramente è il contrario. Ogni alunno che va alle paritarie fa risparmiare questi 8.000 euro allo Stato. Quindi allo Stato CONVIENE ci siano le paritarie, e dovrebbe incentivarle restituendo a queste famiglie ALMENO quello la quota di tasse versate allo Stato per l'istruzione.

      Report

      Rispondi

  • 1932balbuziente

    02 Dicembre 2015 - 22:10

    una volta , io sono un vecchietto orfano a 3 anni e mezzo. c'era l'Oratorio io ricordp quello di San Giuseppe al Trionfale a Roma dove c'era un amore infinito i grandi aiutavano i piccoli i benestati pagavano le scuole i libri i quaderni i grembiuli e nche il vitto. Poi dopo un grande come De Gasperi è precipitato tutto quando i catto- comunisti detti pure comunistelli di sacrestia hanno preso

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    02 Dicembre 2015 - 12:12

    le scuole cattoliche pagano di meno gli insegnanti, poi come si vede risparmiano se sono suore. Dunque le scuole cattoliche saranno più competitive e.. avrebbero più iscrizioni. ecco come guadagnare di più..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti