Cerca

Roma

Colpo in villa, imprenditore di 81 anni spara e uccide il rapinatore

La banda aveva legato e imbavagliato la moglie dell'uomo che ha reagito con quattro colpi di pistola

Colpo in villa, imprenditore di 81 anni spara e uccide il rapinatore

Attimi di paura sabato sera, 29 giugno, intorno alle 23,30 in una villa a Casal Boccone, alla periferia di Roma. Durante un tentativo di rapina un imprenditore di 81 anni, dopo aver sentito dei rumori, ha sparato quattro colpi d'arma da fuoco ed ha ucciso uno dei ladri, un romeno di 36 anni con precedenti penali. I complici invece sono riusciti a fuggire senza portare via il bottino. 

 

Come riporta il sito Ansa.it, quando l'anziano ha esploso i quattro colpi di pistola, sua moglie era già stata legata e imbavagliata. La posizione dell'uomo al momento è al vaglio degli inquirenti. "Se ti sequestrano tua moglie davanti a te, la legano e le puntano la pistola in testa, in bocca... Erano incappucciati e avevano le pistole", ha spiegato l'uomo al Tgr Lazio, parlando al citofono con il giornalista: "Ho sorpreso il bandito e altri due complici nella villa dopo aver sentito dei rumori. Ho sparato soltanto a scopo intimidatorio, i tre erano armati".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • buonavolonta

    08 Febbraio 2015 - 14:02

    vorrei vedere i precedenti penali del rumeno e conoscere i giudici ''TOLLERANTI?? che questa volta lasciandolo fuori di prigione hanno agevolato la sua scomparsa ...bravo il proprietario ... nessuno parla pero del trauma causato a questi due proprietari nel ritrovarsi indifesi in mano di quattro balordi ..bravo di nuovo

    Report

    Rispondi

  • fincoa

    03 Febbraio 2015 - 20:08

    Ottimo! Adesso faccio io il giudice! Sentenza: Se nessuno fosse entrato nella sua casa a derubarlo ed a legargli la moglie non sarebbe morto nessuno. Totalmente assolto!!

    Report

    Rispondi

  • fincoa

    03 Febbraio 2015 - 20:08

    Ottimo! Adesso faccio io il giudice! Sentenza: Se nessuno fosse entrato nella sua casa a derubarlo ed a legargli la moglie non sarebbe morto nessuno. Totalmente assolto!!

    Report

    Rispondi

  • gianniob

    02 Febbraio 2015 - 16:04

    Nessuno tocchi Caino!!!! Abele vada a farsi fottere. Questo dicono e vogliono i nostri magistrati e i nostri politici. Sempre più mi convinco che queste due categorie sono la cosa più lercia che abbiamo in Italia

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog