Cerca

L'eredità dell'austerity di Monti

Pubblica amministrazione, via ai tagli: 7.800 statali in esubero

A fine mese scatta la mannaia sui dipendenti di ministeri ed enti pubblici. Sacrifici all'Inps, ma si salvano Comuni e Province

Pubblica amministrazione, via ai tagli: 7.800 statali in esubero

Niente proroga: a fine luglio 7.800 statali (7.400 dipendenti e 400 dirigenti) resteranno a casa. Risultato della spending review adottata dal governo Monti nel luglio 2012, che ha obbligato ministeri e Pubblica amministrazione a sacrificare le proprie "eccedenze" nel nome dell'austerity. A sfoltire i ranghi sarà soprattutto l'Inps (3.314 persone in uscita) a seguito della fusione con Inpdap e Enpals. Dai ministeri usciranno 3.236 dipendenti, il resto sarà a carico di Aci, Istat, Enac e altri enti pubblici non economici ed enti di ricerca. Anche gli enti locali dovrebbero sottostare al taglio, ma di fatto potrebbero scamparla. Il motivo è semplice: secondo la legge, si deve procedere alla mobilità delle "eccedenze" di Comuni e Province quando il rapporto medio tra dipendenti e popolazione registrato nella stessa fascia demografica supera il 40 per cento. Peccato che la classificazione non sia mai stata portata a termine... 

Il futuro degli esuberi - A casa, dunque. Ma come? Dei 7.800 dipendenti della Pa, quelli che raggungeranno i requisiti previdenziali pre-riforma Fornero entro la fine del 2013 accederanno ad uno scivolo per la pensione. Per gli altri, invece, mobilità verso le amministrazioni in carenza d'organico. Chi non accetta la nuova destinazione riceverà per due anni l'80% dello stipendio tabellare (senza straordinari e altre voci aggiuntive, con un taglio effettivo fino al 50% dello stipendio pierno) prima del licenziamento vero e proprio.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sebin6

    01 Luglio 2013 - 20:08

    Che cosa aspettiamo per mandarli a casa? Bisogna mandare a casa tutti i dipendenti pubblici, forze armate e di polizia comprese e tagliare tutte le pensioni. Per mangiare andremo tutti da berlusconi e da encol.

    Report

    Rispondi

  • elenabaciu

    01 Luglio 2013 - 19:07

    comuni NO,province No ,reggioni No e proprio vero chi fila una camicia chi no due

    Report

    Rispondi

  • tristano.libero

    01 Luglio 2013 - 18:06

    Ma, non era il pregiudicato berlusconi che nell'ultima campagna elettorale gridava dai suoi giornali e dalle sue 5 TV: "se mi date il voto vi compro Balotelli, elimino le province, elimino l'IMU e vi restituisco quella del 2012, diminuisco le tasse, creo 1 milione di posti di lavoro, non aumento l'IVA e tanto che ci sono ai primi 1000 voti aggiungo anche un set di pentole e un servizio di piatti...". Certo che un po' di ebeti italioti che gli hanno creduto li ha trovati.

    Report

    Rispondi

  • encol

    01 Luglio 2013 - 18:06

    Mancano 3 zeri che in questo caso contano eccome. Quindi si tratta di 7.800.000 esuberi. Che cosa aspettiamo per mandarli a casa?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog