Cerca

Sprechi italiani

Spending review. la Corte costituzionale salva gli sprechi regionali

Dopo aver salvato le Province e aver bocciato i tagli su stipendi e pensioni d'oro, le toghe bloccano l'accorpamento delle società partecipate

La Corte di cassazione

In fondo nel Paese in cui un governo ha l’ardore - e l’ardire - di battezzare del Fare un decreto, c’è sempre la speranza di fare a modo proprio. In fondo c’è sempre un magistrato, un Tar, una Consulta, pronta ad accogliere un ricorso. Che riporta tutto a zero. Anche quelle azioni della politica che muovono nella direzione indicata dai cittadini. E dal buonsenso, soprattutto in  tempi di  crisi. Stavolta è toccato, in modo particolare, alle Regioni evitare la mannaia  dei tagli. La  prossima chissà.

E così la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima la norma del decreto legge sulla spending review che prevedeva che Regioni, Province e Comuni sopprimessero o accorpassero enti, agenzie e organismi comunque denominati per contenere le spese. La via indicata era quella della privatizzazione o della loro dismissione. Invece tutto resta come prima. «Sopprime in modo indistinto tutti gli enti strumentali che svolgono funzioni fondamentali o conferite di Province e Comuni senza che questi siano sufficientemente individuati», si legge nella sentenza 236 della Consulta che ha giudicato fondati i rilievi avanzati dalle regioni Veneto, Lazio, Sardegna e Friuli Venezia Giulia. Secondo quel provvedimento Regioni, Province e Comuni dovevano sopprimere o accorpare o, in ogni caso, ridurre del 20% gli oneri finanziari di enti, agenzie e organismi comunque denominati e trascorsi i nove mesi dall’approvazione del decreto dovevano essere soppressi tutti gli enti a cui non fossero stati applicati i tagli. 

Ma l’Italia dei mille campanili si è rivelata più forte dei tagli e del buonsenso. La Corte Costituzionale, infatti, ha ritenuto che in questo modo si rischia un soppressione di enti in maniera indistinta, fra i quali vi sarebbero anche strutture strumentali che svolgono funzioni fondamentali o conferite di Province e Comuni senza che questi siano individuati. «L’automatica soppressione di enti, agenzie e organismi comunque denominati e di qualsiasi natura giuridica che esercitano, anche in via strumentale, funzioni nell’ambito delle competenze spettanti ai Comuni, Province e Città metropolitane», sostengono i giudici della Consulta, «prima che tali enti locali abbiano proceduto alla necessaria riorganizzazione, pone a rischio lo svolgimento delle funzioni stesse, rischio aggravato dalla previsione delle nullità di tutti gli atti adottati successivamente allo scadere del termine». Quindi «la difficoltà di individuare quali siano gli enti strumentali effettivamente soppressi e la necessità per gli enti locali di riorganizzare i servizi e le funzioni da questi svolte rendono il decreto sulla spending review manifestamente irragionevole». Un’affermazione, quella contenuta nella sentenza della Consulta, che lascia interdetti. E come dire che ogni tentativo di razionalizzazione intrapreso dalla politica è un atto folle, «irragionevole» appunto. Quando, in realtà, l’irragionevolezza è il mantenere in vita strutture inutili e pletoriche, se non addirittura dei doppioni. 

Sia pur in modo del tutto indiretto, una risposta alla sentenza della Consulta è arrivata dal presidente del Consiglio, Enrico Letta, in occasione dell’incontro con i vertici  dell’Agenzia delle Entrate. «Vedo con quanta faciloneria si usano le risorse pubbliche», dice il premier, che ha evidenziato la necessità di rilanciare la spending review e «andare a scovare le tante sacche di improduttività e inefficienza». Fino a quando un giudice, un Tar, una Consulta, non riporta tutto al punto di partenza.

di Enrico Paoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlozani

    25 Luglio 2013 - 17:05

    E' ovvio che la consulta salvi gli sprechi regionali:i politici regionali fanno parte della Casta composta da magistrati ,deputati e personaggi importanti.Prima hanno detto che è incostituzionale tagliare gli stipendi a magistrati ,ora alle regioni sprecone mentre è legittimo aumentare le tasse e fare tagli a danno dei cittadini.Tempo addietro i magistrati erano persone sagge e giuste ,ora fanno parte di un'associazione di parte che tira l'acqua al proprio mulino. C.Z.

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    25 Luglio 2013 - 16:04

    Sarebbe ora che questa corte si accorgesse che ha fatto il suo tempo, ma è sempre piena di prosopopea ("...rendono il decreto sulla spending review manifestamente irragionevole".) Irragionevole, eh? Manifestamente, eh? Qui, di manifestamente irragionevole, c'è solo la presenza di questi bellimbusti nullafacenti, addobbati come alberi di Natale, che pretendono di insegnare, a noi che li manteniamo nostro malgrado, che cosa è meglio (per loro). Io, che non ho la loro eccelsa preparazione giuridica (eheh), dico soltanto che a tirare troppo la corda, questa poi finisce che si spezza. Gli conviene farsi un po' di conti (nelle proprie tasche, per una volta), per vedere se per caso non rischiano di prendersela sulle dentiere, la corda spezzata. Perché loro magari non lo sanno, ma non c'è nulla di più pericoloso e incontrollabile di una corda che si spezza per l'eccessiva tensione.

    Report

    Rispondi

  • babbone

    25 Luglio 2013 - 15:03

    Eiiiii coglioni.......ancora non avete capito che sono tutti daccordo.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    25 Luglio 2013 - 15:03

    le nostre istituzioni non sono come quelle dei paesi civili. Sono piuttosto il cuore del marcio del paese NOMINATE da complici della politica che hanno ormai trasformato un paese TEORICAMENTE democratico in una oligarchia prepotente ed oppressiva. Non ci si può liberare CIVILMENTE di questi ladri e dei LORO MECCANISMI DI POTERE, ANCHE SE BISOGNA ASSOLUTAMENTE CANCELLARLI SE NON VOGLIAMO SPARIRE ''NOI'' COME SOCIETA' CIVILE.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog