Cerca

Reati d'opinione

Battista: aboliamo l'apologia del fascismo
E' un residuo del passato

L'editorialista propone di cancellare anche il vilipendio alla bandiera e alla religione

Battista: aboliamo l'apologia del fascismo
E' un residuo del passato

Abolire i reati d'opionione, considerati residui autoritari. Lo sostiene Pierluigi Battista sul Corriere della Sera in edicola oggi, lunedì primo ottobtre. Da l vilipendio alla bandiera al reato di apologia del fascismo: secondo l'editorialista di via Solferino dovrebbero essere abrogati perché ci dovrebbe essere un'azione di contrasto alle opinioni considerate aberranti, ma questa lotta dovrebbe essere affidata al mondo politico, culturale, non certo giudiziario. Scrive Battista: "Il contrasto deve essere affidato agli argomenti, non ai carabinieri che recapitano un avviso di garanzia. Giudicato dai lettori, non da una toga che si arroga il diritto di stabilire ciò che è può essere detto e ciò che non lo è, quale opinione perseguire per legge e quale tollerare". Il vilipendio alla religione lo si può, secondo Battista, lasciare ai fondamentalisti dell'islamismo che considerano vilipendio ogni dissenso e "balsfemia ogni manifestazione di pensiero libero. L'apologia del fascismo "potrebbe essere riposta nel magazzino dei ferrivecchi: se il fascismo nonha ancora smaltito la sua eredità, lo si deve appunto alla sopravvivenza in regime democrativo dei reati d'opinione. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sebin6

    01 Ottobre 2012 - 18:06

    sono figli della stessa madre: l'ideologia intesa come dogma religioso. Le dittature del 20 secolo hanno portato morte e sopraffazione. Non sono poi così lontani i tempi (anni 20) quando le squadracce fasciste in Italia andavano a caccia di oppositori per propinare manganellate, olio di ricino e confino se andava bene, in russia le stesse cose più gulag in siberia. Bisogna mantenere vivo il ricordo nelle nuove generazioni di quello che è successo, perchè non accada più. Bisogna "tagliare la testa" ai DITTATORI quando sono ancora nella culla (come ha detto qualcuno)perchè poi non sarà più possibile.

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    01 Ottobre 2012 - 18:06

    Forse non ha capito il senso della legge sull'apologia del fascismo. Non è una conta dei morti. Qui il fascismo ha istituito le leggi razziali, massacrato oppositori, tentato nella sua goffaggine di imitare il nazismo, ci ha fatti entrare in guerra alleati di un pazzo e pertanto non ha rappresentato solo una teoria politica ma è stata una nefasta tragedia nazionale. Purtroppo se chiede alle nuove generazioni qualcuno le dira che tutto sommato non erano cattivi. Qualcuno tenta di far passare il saluto romano come solo un saluto ... questa è la vera tragedia. Il figlio di Alemanno probabilemente e stato educato in questo modo.

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    01 Ottobre 2012 - 18:06

    testina.. in italia c'e' stato solo il regime fascista....

    Report

    Rispondi

  • kingapache

    01 Ottobre 2012 - 17:05

    il fatto che sia scritto nella Costituzione non vuol dire che è sacrosanto, altrimenti non si sarebbero potute modificare certe cose come ad esempio Titolo V. Tale modifica venne approvata dal governo di centro sinistra.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog