Cerca

Sicilia, c'è già uno scandalo: scrutini al rallentatore

Sicilia, c'è già uno scandalo: scrutini al rallentatore

 

C'è qualcuno che sta provando a fare il furbo? Lo spoglio in Sicilia va a rilento. Alle 13 hanno concluso lo scrutinio solo 716 sezioni su 5308 (112 su 600 a Palermo), mentre è stato registrato circa il 10 per cento deli voti validi. Il ritmo è quello di una scheda spogliata ogni 10 minuti. Ciò malgrado il crollo dell'affluenza alle urne: hanno votato solo il 47,42 per cento degli aventi diritto. Ci sono poco più di due milioni di schede da scrutinare, se l'astensionismo non fosse stato così alto, sarebbero state il doppio.

E allora? Allora in ogni seggio elettorale lavorano sei persone: un presidente, un segretario e quattro scrutatori. In ogni scuola, ospedale o istituto che ospita le votazioni ci sono il drappello di polizia e quello dei dipendenti comunali, che vigilano sulle operazioni o le coordinano. Tutto già pagato, se lo scrutinio termina entro la mezzanotte di oggi. Ma se non si finisce in tempo, scattano gli straordinari. Qualcuno va piano di proposito?

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Riccardoneone

    30 Ottobre 2012 - 14:02

    Anche a spoglio concluso senza i temuti "straordinari"? Vi piace far azzuffare i polli, mi sa che ci campate proprio.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    30 Ottobre 2012 - 11:11

    C'entra,c'entra.Se la questione è l'aumento dei costi,anche se indiretti aumentano.Le forze dell'ordine,qualcuno le pagherà,mi pare.Anche se Teomondo può aver ragione sul compito degli scrutatori,non spiega nella sua disamina come,a fronte della metà del lavoro teorico ( astensione record di tutti i tempi)impieghino lo stesso tempo con meno della metà dei voti effettivi.Solo pigrizia?

    Report

    Rispondi

  • biri

    30 Ottobre 2012 - 08:08

    Che c'entra il tempo d'impegno delle forze dell'ordine? Secondo te dipende da loro quanto tempo ci vuole per spogliare le schede? Secondo te sono loro a trasmettere i risultati? Articoli come questo sono incredibili. Pura fuffa. Per spogliare a norma di legge (una scheda per volta) una sezione con 4/500 votanti servono (solo per lo scrutinio, con voti di lista, preferenze e voti al presidente, e senza contestazioni dei rappresentanti di lista) 3/4 ore. Prima dello scrutinio bisogna predisporre e compilare verbali.Dopo lo scrutinio occorre verificare le corrispondenze tra numero di schede e votanti,compilare verbali,e solo allora si possono trasmettere i dati (non ufficiali) all'ufficio elettorale del comune, che li manda alla prefettura, che li manda all'ufficio elettorale centrale. Nel frattempo il presidente consegna i verbali (unico documento ufficiale) al comune. Nessuno percepisce straordinari. Anzi, se il presidente non si sbriga, scrutatori e forze dell'ordine si innervosiscono.

    Report

    Rispondi

  • teomondo scrofalo

    30 Ottobre 2012 - 07:07

    Il permesso (1 giorno) allo scrutatore-lavoratore spetta in ogni caso e viene rimborstao al datore di lavoro. La spesa è compresa in quello che che lo Stato deve affrontare per le elezioni. Certo, si potrebbe adottare il voto elettronico, ma, sono convinto, che alla fine, i votanti risulterebbero almeno 100.000.000. P.S. Il termine sapienti lo riservi agli ignoranti come lei che scrivono senza sapere. Buffone!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog