Cerca

Il piano B

Quirinale, mossa anti Berlusconi: se Monti cade c'è Franco Marini

Il Cav minaccia di far cadere il governo, Napolitano ha pronto l'asso: esecutivo affidato al senatore Pd per gestire il periodo elettorale (fino ad aprile)
Quirinale, mossa anti Berlusconi: se Monti cade c'è Franco Marini

di Elisa Calessi

La minaccia del Cavaliere, far cadere il governo e andare al voto a febbraio, rischia di essere scarica. A impedirla, infatti, potrebbe essere il Quirinale. «Se Berlusconi dovesse decidere di togliere la fiducia al governo Monti, Napolitano potrebbe affidare il mandato all’ex presidente del Senato Marini di formare un nuovo governo che sicuramente verrebbe bocciato dalle Camere nel voto di fiducia, ma che guiderebbe il Paese alle elezioni appunto in aprile». Insomma «un governo di pochi mesi che avrebbe il compito di gestire il voto». E che toglierebbe a Berlusconi il principale argomento elettorale: Monti. L’attuale premier, infatti, sarebbe già uscito di scena.  A suggerire questa ipotesi, citando «fonti autorevoli», è la Velina Rossa, il foglio di Pasquale Laurito, depositario di gossip che circolano nei Palazzi. Questo, in particolare, nasce dalle parti del governo. Un ministro molto vicino a Monti lo avrebbe confidato a un amico, durante un pranzo. Franco Marini ha smentito quest’indiscrezione, dicendo di essere «troppo vecchio». Ma nei corridoi di Montecitorio si facevano anche i nomi di alcuni costituzionalisti, magari un esperto di legge elettorale. Il nuovo esecutivo, infatti, nascerebbe con l’incarico di fare la riforma elettorale, ora finita in un binario morto. 

Al Quirinale smentiscono questo scenario. Impossibile ragionare di un’ipotesi. Anche perché le incognite, si dice, sono troppe. Dipende da come, eventualmente, avverrebbe la crisi. Quello che, però, si può affermare con ragionevole certezza è che se un partito della maggioranza togliesse l’appoggio all’esecutivo dei professori, Napolitano rimanderebbe il governo alle Camere. A quel punto, se anche fosse bocciato, potrebbe comunque rimanere in carica fino al voto. Governo Marini o no, l’ipotesi che, anche di fronte a una crisi, si voti a marzo non è, quindi, peregrina. Anche perché Napolitano ha due priorità: portare a casa la legge di stabilità e favorire tutti i tentativi per modificare la legge elettorale. Non approvare la prima, si dice, farebbe schizzare lo spread sopra i 400. E ci renderebbe inaffidabili agli occhi dell’Europa. La legge di stabilità, però, sarà licenziata molto probabilmente a ridosso di Natale. Lo scioglimento delle Camere ha bisogno di una settantina di giorni. La prima data utile, quindi, è il 10 marzo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fantapolitik10

    07 Dicembre 2012 - 00:12

    Impeachment!Impeachment!Impeachment!

    Report

    Rispondi

  • fantapolitik10

    06 Dicembre 2012 - 23:11

    Come quando tifavano unione sovietica i comunisti italiani sono stati sempre il paese Italia.Erano venduti ad un paese nemico dell'Italia e dell'occidente.Dopo appena settant'anni hanno scoperto,non la bandiera italiana,ma i colori che hanno messo nel simbolo.Cosa si può sperare quindi da un vecchio comunista.Si sa che con l'avanzare dell'età è difficile cambiare idea.La democrazia non si può scoprire a novantanni.Mi vergogno di avere un comunista.

    Report

    Rispondi

  • alfredo giulio

    06 Dicembre 2012 - 18:06

    Nuovo Presidente, nuovi Ministri. Tutta gente che dovremmo pagare e mantenere a vita, con annessi benefici? O viene decurtata la paga a chi se ne va?

    Report

    Rispondi

  • alfredo giulio

    06 Dicembre 2012 - 18:06

    Peccato che questi commenti ce li leggiamo solo tra di noi e non vengono fatti sapere agli interessati. Forse si farebbero un'idea di come la pensa il popolo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog