Cerca

L'intervista

Francesca Pascale: "Il centrodestra deve battersi per le unioni civili"

Francesca Pascale: "Il centrodestra deve battersi per le unioni civili"

Per la prima volta la Francesca Pascale dice la sua su unioni civili e gay. Una posizione chiara, netta, che farà certamente discutere. "Lo dico da cristiana, da cattolica, da donna che vive nella condizione di coppia di fatto: sì alle unioni civili, sì al rispetto per la libertà individuale". E' la nuova "crociata" di Francesca Pascale, fidanzata di Silvio Berlusconi che, in un'intervista al Corriere del Mezzogiorno, spiega: "Cristo ha detto: ama il prossimo tuo come te stesso. Non ha insegnato a fare differenza tra gay ed etero. Ecco, mi piacerebbe se il centrodestra aprisse i suoi orizzonti e affermasse: siamo liberali fino in fondo e non soltanto quando ci interessa o quando ci fa comodo. Va bene rispettare ciò che dice la Chiesa, ma la Chiesa deve rispettare anche la libertà di uno stato laico e non confessionale, altrimenti si sconfina nella discriminazione di chi non è cattolico".

Diritti sociali - Ha deciso di dichiarare guerra all'area cattolica?, le chiede il giornalista. "No, al bigottismo ipocrita. Forza Italia è formata da tante anime: anche quella liberale, rappresentata dallo stesso presidente Berlusconi. E per la paura di spaventare la Chiesa si fa finta di non vedere e non sentire. Si parla tanto di Europa per i problemi economici. E' giusto e capisco, data la situazione di crisi. Ma sui diritti sociali, quando pensiamo di avvicinarci al resto delle nazioni europee? La libertà, per il nostro partito, è il valore principale. Ma questo principio deve essere rispettato fino in fondo".

L'appello al partito Quando il giornalista le fa notare che la sua affermazione sembra "di parte", lei risponde: "Io parlo della mia condizione, ma non soffro se lo Stato non  vuole riconoscermela. Ho scelto io, liberamente, di convivere con un uomo divorziato e mi sta bene così". E poi lancia un appello a Forza Italia:  "Approfittiamone ora che c'è un Papa liberale, che ha mostrato significative aperture verso divorziati e omosessuali"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudionebridio

    16 Giugno 2014 - 14:02

    Per molti simpatizzanti di Forza Italia le cose sono chiare: o via la Pascale e tutti le altre pro-choise ultralaiciste al guinzaglio della massoneria che detta le regole europee, oppure amici come prima ma con la perdita del consenso e del voto. Questa cosa è meglio che venga chiarita subito così che chi non accetta di far parte di una succursale del PD possa andarsene senza rimpianti.

    Report

    Rispondi

  • Royfree

    16 Giugno 2014 - 14:02

    Questa è la politica. Basta che vai a letto con un politico di spicco e diventi in automatico detentore del sommo sapere. Avremmo mai la fortuna che una di queste sia veramente illuminata?

    Report

    Rispondi

  • claudionebridio

    16 Giugno 2014 - 13:01

    Nella scaletta delle richieste del laicismo che la Pascale indica come cose da approvare "in uno Stato laico altrimenti si discrimina chi non è cattolico" c'è pure il matrimonio con gli animali e lo sbolognamento della pedofilia. Le anime belle che credono io scherzi mettano per una volta da parte il "progressismo" e indaghino per loro conto su cosa si celi dietro la "liberà a poter fare tutto."

    Report

    Rispondi

  • claudionebridio

    16 Giugno 2014 - 13:01

    Francesca Pascale, i suoi sermoni da progressista politicamente corretta travestita da pseudo-cattolica li faccia da un'altra parte. Oppure Forza Italia dica una volta per tutte chi ha voglia di imbarcare fra le sue fila perché ci sono anche vecchi sostenitori del partito che sono arcistufi del "politicamene corretto" cammuffato da "giustizia sociale" e dei "nuovi diritti inventati a tavolino.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog