Cerca

I fatti del 2010

Claudio Scajola, casa al Colosseo: il caso viene prescritto

Claudio Scajola, casa al Colosseo: il caso viene prescritto

Si è concluso con la dichiarazione di intervenuta prescrizione, il processo di appello per il reato di finanziamento illecito a un parlamentare che vedeva imputato l’ex ministro dello sviluppo economico, Claudio Scajola, per la vicenda dell’acquisto della casa con vista sul Colosseo pagata in parte dal costruttore Diego Anemone.

I fatti - La vicenda riguarda la compravendita di un appartamento in via del Fagutale, a pochi passi proprio dal Colosseo. Scajola, costretto proprio da questa vicenda a dimettersi nel maggio 2010, in conferenza stampa disse: "Quella casa è stata pagata a mia insaputa. Un ministro non può sospettare di abitare in una casa pagata in parte da altri". Il 27 gennaio scorso, l'ex ministro era stato assolto dal reato di finanziamento illecito, mentre l'imprenditore era stato prescritto: per il giudice di Roma, Eleonora Santolini, il fatto non costituiva reato per l'ex ministro, perché Scajola era "inconsapevole" che Diego Anemone "avesse concordato con le sorelle Papa, proprietarie dell'immobile, le modalità dell'ulteriore pagamento".

Il ricorso - I pm avevano presentato ricorso contro l'assoluzione di Scajola: la lettura del giudice, secondo i pm, sarebbe stata superficiale ed acritica, modellasta sulla configurazione di un uomo sprovveduto, in balia degli eventi". Oggi, infine, l'avvenuta prescrizione per Scajola, relativamente al presunto reato di finanziamento illecito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jborroni

    01 Novembre 2014 - 11:11

    e stavolta non c'e' bisogno che ci dica "" a mia insaputa""!!!!!! Giustizia""INFAME"". in questo cesso di paese a pagare sono solo I poveri cristi

    Report

    Rispondi

  • oviivo

    31 Ottobre 2014 - 19:07

    E' questa la magistratura italiana ?? Gli Italiani come possono aver fiducia nei magistrati quando lasciano cadere in prescrizione i reati commessi dai potenti e condannano i poveri cristi per reati bagatellari ??!!

    Report

    Rispondi

  • antari

    31 Ottobre 2014 - 18:06

    Povero Sciaboletta adesso si che dormi tranquillo.

    Report

    Rispondi

    • bruscoloni

      bruscoloni

      31 Ottobre 2014 - 19:07

      Ma sarà "consapevole" dell'avvenuta prescrizione?

      Report

      Rispondi

blog