Cerca

Il caso

Matteo Renzi con la mimetica in Afganistan, la lettera della madre di un militare morto: "La mimetica non è un gioco"

Matteo Renzi con la mimetica in Afganistan, la lettera della madre di un militare morto: "La mimetica non è un gioco"

Un dolore che non trova pace. Un dolore che resta sulla pelle come una ferita che non si chiude.  Annarita Lo Mastro aveva un figlio di 28 anni, si chiamava David Tobini ed era caporalmaggiore del 183esimo reggimento paracadutisti "Nembo" di Pistoia. David è partito per l'Afganistan e il 25 luglio del 2011 e non è più tornato a casa. David è stato ucciso, è morto mentre combatteva.  Indossava la tuta mimetica. La stessa che ieri sfoggiava con nonchalance Matteo Renzi quando, dopo lo smacco elettorale è andato in Afganistan a parlare ai nostri militari. Annarita non ha retto. Non è riuscita a sopportare la vista del premier che indossava la divisa come fosse un soldato. Quel dolore le è esploso dentro dirompente. Ha preso carta e penna e ha scritto una lettera al premier. Usa parole forti come il suo dolore per esprimere la sua rabbia contro il premier che non ha voluto mai riceverla preferendole "una squadra di pallavoliste". Ma l'attacco più duro è proprio quello sulla mimentica. "Caro presidente, scrive, la mimetica non è un gioco. Non la si può indossare se non  la sai portare. Tutto ciò glielo dice una madre che perso un figlio per un dovere dettato dalle istituzioni italiane e non permetterà che tali istituzioni traggano profitto seppur soltanto in termini di visibilità mediatica da quel sangue perché i nostri figli vivi o morti non sono un  baratto politico". Di seguito la lettera che ha scritto Annarita Lo Mastro. 

Caro Presidente!

Mi permetta tale confidenza perché oggi in questo periodo di celebrazioni e ricorrenze, leggo del suo viaggio particolare. Leggo che a distanza di anni, fatalità, oggi ricorda l’Afghanistan e i suoi caduti. Lei che trasmette forza a chi come noi e loro hanno subito tante umiliazioni e tante trascuratezze.

Sono Annarita, Presidente, quella madre che non ha mai voluto incontrare, preferendola a una squadra di pallavoliste. Quella madre di cui non ebbe mai una parola di sconforto e conforto. Sono quella madre, Presidente, che l’anno scorso era davanti al suo palco per guardarla da lontano perché solo da lontano potevo guardarla in quella parata militare del 2 giugno che presidio da sempre … fin dai tempi “verdi”.

Perché solo oggi, Lei porge questi Onori? Presidente, quel “sangue” meritava e merita più rispetto, come rispetto meritano le forze dell’ordine e chi è sopravvissuto perdendoli. Il rispetto alle Forze Armate va tutti i giorni, perché loro sfilano tutti i sacrosanti giorni, rischiando la vita in cambio di noncuranza.

Mi sembra che ci stiamo lavando la coscienza laddove possiamo trarne vantaggio.

La mimetica non è un gioco. Non la si può indossare se non la si sa portare. Tutto ciò glielo dice una madre che ha perso un figlio per un dovere dettato dalle Istituzioni italiane e non permetterà che tali Istituzioni traggano profitto – se pur soltanto in termini di visibilità mediatica - da quel Sangue, perché i nostri figli Vivi o Morti non sono un baratto politico. Vorrei dire al presidente che immaginando di sforzarmi sulle sue benevole intenzioni gli suggerirei prima di fare sermoni sul sacrificio a quei ragazzi, dovrebbe MANGIARE COME LORO, DORMIRE COME LORO, VIAGGIARE COME LORO. Il sacrificio prima di essere decantato va "gustato"... così come il coraggio.

Annarita Lo Mastro"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    05 Giugno 2015 - 11:11

    Solo un bullo che non pensa oltre il proprio naso. Non capisce il significato della mimetica oltre la propria boria. Cos' fa con tutto il resto governa, si fa per dire, in funzione del proprio MAGNIFICAT.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    05 Giugno 2015 - 10:10

    con tutto il rispetto per la madre, ed un po' meno per i qui postanti, faccio notare che morti ne abbiamo avuto anche quando c'erano Previti, Martino, La Rissa come Ministri; ed a tutti hanno fatto indossare la mimetica, come prevede il regolamento. Burlesque ha indossato il casco da pompiere all'Aquila ed il fazzoletto partigiano: non mi risulta abbia avuto esperienze nel merito. Poveri maldestri

    Report

    Rispondi

    • Rosmy

      08 Giugno 2015 - 18:06

      cervellino... non ti sfrorzare, ti sei sminuito da solo....

      Report

      Rispondi

      • bruno osti

        09 Giugno 2015 - 15:03

        Rosmy, prova ad entrare nel merito di quanto ho scritto, se solo sei capace di formulare un concetto avente un minimo di concretezza.

        Report

        Rispondi

  • rluigimauro

    04 Giugno 2015 - 18:06

    Caro cicalino di ieri sera alle 21.10, metti gli occhiali e riguardati bene la foto del "travestito" : per meglio defilarlo gli hanno scritto in petto il nome e l'appartenenza alle FFAA e gli hanno anche appiccicato un grado (etichetta quadrata al centro: ingranaggio corona di quercia e stella) . Certo, non l'ha fatto lui, ma l'ha indossato

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      05 Giugno 2015 - 10:10

      da 3/400 metri e più, viste le distanze di sicurezza intorno alla base, un cecchino appostato può centrare un bersaglio umano, distinguendolo bene se in abiti civili tra tutte le uniformi. Non può leggere la targhetta col nome, né vedere il colletto della camicia. Nemmeno Martino, La Russa, Previti erano militari eppure la mimetica l'hanno data anche a loro: a quel tempo nessuno li criticò

      Report

      Rispondi

  • cicalino

    03 Giugno 2015 - 22:10

    Chi critica la mimetica di Renzi non conosce i luoghi, eppure la loro barbarie è sotto gli occhi di tutti ! Casomai possiamo discutere sull'opportunità del compagno Renzi in quei luoghi ed a fare che, ma vi garantisco la strizza sul posto è grande ! Non si vede l'ora di ripartire, si respira polvere fecale sollevata dal vento perchè quelli la fanno in strada. Un cesso.Chiedere a chi vi è stato.

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      05 Giugno 2015 - 10:10

      ti sembra inopportuno che il Presidente del Consiglio, terza carica dello Stato, sia andato a visitare i militari in missione all'estero, il giorno in onore della Repubblica? E perché "inopportuno"? E se non ci fosse andato, se nessuno del Governo ci fosse andato? cosa si sarebbe scritto? Ma voi maldestri, come fate ad essere così maldestri?

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog