Cerca

Il grande tessitore

Il "prezzo" di Verdini, le quattro richieste a Renzi. Un piano diabolico: spunta anche il condono

Denis Verdini

Un retroscena gravido di implicazioni, quello firmato da Tomaso Labate sul Corriere della Sera. Si parla di Denis Verdini, il grande tessitore, che dopo lo strappo di Gatano Quagliariello con Ncd è tornato a muoversi a tutto campo, velocissimo, tra telefonate, colloqui, promesse e incontri. Il punto è che con gli alfaniani in ebollizione, come ripete Denis ai suoi come se fosse un mantra, "Renzi rischia di non avere più la maggioranza al Senato. Di conseguenza, prepariamoci al grande passo".

Quattro punti - Ma il lavoro di Verdini, secondo Labate, ha un prezzo: tanto che martedì sera ci sarà un vertice a Palazzo Chigi, dove i verdiniani presenteranno le loro richieste, in quattro punti. Il primo: l'accelerazione del progetto del Ponte sullo stretto. Secondo punto: un super-condono edilizio che riguarda 75mila abitazioni in Campania. Terzo punto: un intervento che "pompi" nuovi soldi nella sanità dopo i recenti tagli. Quarto e ultimo punto, un provvedimento che riguardi la fiscalità di vantaggio nel Meridione.

Il "prezzo" - Richieste pesanti, quelle vergate nel documento che "fissa il prezzo" di Verdini. Richieste tutt'altro che casuali, soprattutto perché, come evidente, riguardano soprattutto il Sud: l'obiettivo è recuperare altri parlamentari sul punto di lasciare Forza Italia, nonché altri in uscita da Ncd: obiettivo, svuotare definitivamente il partito di Angelino Alfano. "Se Quagliariello riporta da Berlusconi Formigoni, Giovanardi, Lupi e l'ala settentrionale di Ncd, noi dobbiamo portarci via i meridionali. Oltre a quelli che arriveranno da Forza Italia", è la riflessione dei verdiniani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ernesto1943

    16 Ottobre 2015 - 22:10

    io non sono un mago, ma sono sicuro che verdini e berlusca hanno dato una mano al bulletto per rottamare i residuati del p.c.per poi dividersi i vantaggi.ma è finita male al berlusca, si è fidato di due traditori.ed eccoli oggi insieme.

    Report

    Rispondi

  • guifra35

    16 Ottobre 2015 - 21:09

    Gli sarà concesso tutto con il beneplacito di quella parte della magistratura che conta da sempre in connubio con la sinistra.

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    16 Ottobre 2015 - 17:05

    ...i traditori...i disertori..i collaborazionisti ...venivano processati e ..passati per le armi...

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    16 Ottobre 2015 - 15:03

    e la magistratura perché non indaga su questo mercato delle vacche?

    Report

    Rispondi

    • Pinkalikoi

      16 Ottobre 2015 - 15:03

      Per la semplice ragione che per configurare il reato di corruzione occorre che avvenga lo scambio personale di beni. Il fatto che Verdini richieda leggi a favore del mezzogiorno in cambio del voto favorevole non rientra tra i reati previsti.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog