Cerca

Vuole solo una poltrona

Pd, Bersani accetta l'agenda Grillo:
"Ok a legge sul finanziamento ai partiti"

Pd, Bersani accetta l'agenda Grillo:
"Ok a legge sul finanziamento ai partiti"

Pier Luigi Bersani annaspa ancora nel mare profondo delle trattative. E' un segretario che non ha più un partito dietro ed è un candidato premier che non ha più una credibilità. La linea se la fa dettare dagli altri. Accetta tutte le condizioni e pur di non peredere palazzo Chigi asseconda Grillo e Renzi. I due, Bersani se li sogna la notte, quasi come fossero un icubo. E per dormire con un pò di tranquillità comincia a trattare ed apre a tutte le richieste di Grillo (e di Renzi): "Vorrei dire a Grillo che non m'impressiona. Ho le spalle abbastanza solide per sopportare tutte le battute e gli insulti. Gli pongo una sola questione, che si chiama democrazia. Io voglio fare una legge sui partiti e sono pronto a discutere del finanziamento ai partiti". 

Bersani vuole solo la poltrona - Poi Bersani, intervistato da Presa diretta parla della sua leadership e rivendica ancora una vittoria che è solo nella sua testa: "Non avrò vinto, ma è la prima volta che un partito di sinistra ha la maggioranza, assoluta o relativa nelle Camere. Avrò anche perso ma è la prima volta". E dopo aver cercato di diferndere l'indifendibile manda un altro messaggio ai Cinque Stelle: "Adesso si può e dico a Grillo: finanziamento ok, però tu adesso mi spieghi, quando facciamo la legge sui partiti, com'è la trasparenza e la partecipazione, come si eleggono gli organismi dirigenti, com'è il codice etico per le candidature. Facciamo questa sfida, perché parliamo di democrazia, che è un bene indivisibile, non ci può essere l'uomo solo al comando. Dopo Bersani c'è il Pd, dopo Grillo voglio sapere cosa c'è, non per Grillo ma per l'Italia. Su questo noi non molliamo , su tutto il resto si discute". Insomma Pier è pronto ad accettare l'agenda del Movimento Cinque Stelle. Non importa che lui abbia ormai un partito fantasma alle spalle. Lui vuole solo la poltrona. 



 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • futuro libero

    03 Marzo 2013 - 16:04

    gennaio 2013 PD al 40% PDL al 10%, 26 febbraio 2013 PD 29,5% PDL 29,1%. Che ne dici?

    Report

    Rispondi

  • encol

    03 Marzo 2013 - 15:03

    Non c'è nulla da trattare il finanziamento pubblico ai partiti è stato abolito da un referendum popolare e reintrodotto con il trucco ( siete maestri solo in questo). NON LO VOGLIAMO e dovete restituire TUTTO IL MALTOLTO- Ma lo capite questo linguaggio oppure occorre il forcone per farvelo capire?

    Report

    Rispondi

  • spalella

    03 Marzo 2013 - 12:12

    se vogliono campare ancora qualche anno, i vecchi partiti devono andare a RIMORCHIO dei Giovani del movimento 5 stelle. Fanno i duri per continuare a rubare ? ed allora spariranno alle prox elezioni. Non c'è alternativa per loro, non devono solo arrendersi devono SPARIRE !

    Report

    Rispondi

  • Nino38

    03 Marzo 2013 - 12:12

    Se si toglie, con questa legislatura, il finanziamento ai partiti, si risparmiano oltre trecento milioni,sarebbe un primo passo per iniziare le riforme. Ben venga questa legge e sia benedetto l'accordo Renzi/Grillo. Gli italiani hanno votato contro i finanziamenti con un referendum, e nonostante ciò la casta, infischiandosene, li ha riproposti con una formula diversa. E' stata una cosa vergognosa che gli italiani non hanno digerito. Annibale Antonelli

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog