Cerca

Il "Conclave" politico

Saggi, ecco i nomi scelti da Napolitano

Saggi, ecco i nomi scelti da Napolitano

Valerio Onida

Sono stati definiti i due gruppi di lavoro che, su invito del Presidente della Repubblica, si riuniranno nel corso della prossima settimana - stabilendo contatti con i presidenti di tutti i gruppi parlamentari - su proposte programmatiche in materia istituzionale e in materia economico-sociale ed europea. Hanno accettato di farne parte: per il primo, il professor Valerio Onida, presidente emerito della Corte Costituzionale, il senatore Mario Mauro (Scelta civica), il senatore Gaetano Quagliariello (Pdl) e Luciano Violante (Pd). Del gruppo "economico sociale" faranno parte invece il professor Enrico Giovannini, presidente dell'Istat, il professor Giovanni Pitruzzella, presidente dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato, il dottor Salvatore Rossi, membro del Direttorio della Banca d'Italia, l'onorevole Giancarlo Giorgietti (Lega Nord) e il senatore Filippo Bubbico (Pd), presidenti delle Commissioni speciali operanti alla Camera e al Senato, e il ministro Enzo Moavero Milanesi.

Fuori i grillini e gli anti-Cav - A una prima analisi, risulta chiaro l'intento del Colle: escludere grillini (l'esponente più "vicino" come sensibilità è Onida, esponente della società civile d'area Pd) e soprattutto i falchi della sinistra anti-Berlusconi. D'altronde, se le due commissioni devono trovare intese comuni Napolitano non poteva imboccare altre strade. E se, come affermano ambienti romani, i nomi dei prossimi presidenti di Repubblica e Consiglio usciranno da questo "Conclave" politico, qualche big potrebbe già scaldarsi: lo stesso Onida, per esempio, era già papabile per Palazzo Chigi in caso di accordo tra Pd e 5 Stelle. Occhio anche a Violante, ex pm nonchè presidente della Camera in passato gran tessitore della tregua tra D'Alema e Berlusconi ai tempi della Bicamerale. Qualcuno aveva già fatto girare il suo nome per il Quirinale. Anche se tra i più spendibili, sicuramente, c'è quello di Giovannini, che da presidente Istat di tensioni sociali se ne intende eccome.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mab

    02 Aprile 2013 - 12:12

    Ex magistrato ex presidente della camera, alla domanda di un telecronista se voleva rinunciare ai privilegi decennali che aveva quale ex presidente della camera, ha risposto con fare seccato che non intende fare demagogia. Ecco con chi abbiamo a che fare.....

    Report

    Rispondi

  • dx

    02 Aprile 2013 - 10:10

    che l'italia è un paese di saggi. ne hanno trovati addirittuta 10! e chi ci crede?... in compenso, la solita fantasia italica contrasta con la necessità e l'urgenza di togliersi, al più presto possibile, da questo stallo vergognoso che spiega bene ai mercati quanto non ci sia più bisogno di fantasie ma di pragmatismo.

    Report

    Rispondi

  • dx

    02 Aprile 2013 - 10:10

    che l'italia è un paese di saggi. ne hanno trovati addirittuta 10! e chi ci crede?... in compenso, la solita fantasia italica contrasta con la necessità e l'urgenza di togliersi, al più presto possibile, da questo stallo vergognoso che spiega bene ai mercati quanto non ci sia più bisogno di fantasie ma di pragmatismo.

    Report

    Rispondi

  • lillignocchi1

    02 Aprile 2013 - 08:08

    Come puo' uno "non saggio" propinare al Popolo 10 nomi di Persone...a Suo dire..."SAGGI"...mahhhhh!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog