Cerca

La promessa del viceministro dell'Economia

Iva, la promessa di Fassina: "A ottobre cancelliamo l'aumento"

Il viceministro dell'Economia apre a nuove maggioranze con Sel e M5S: "Le ipotesi avanzate da Epifani e Bersani sono reali"

Iva, la promessa di Fassina: "A ottobre cancelliamo l'aumento"

Il ministro degli Interni Angelino Alfano sabato è stato chiaro: "Via l'Iva o il governo cade". E mentre il collega ministro Dario Franceschini e il segretario Pd Guglielmo Epifani frenano stizziti ("Niente diktat a Letta") l'apertura, a sorpresa, arriva da uno dei falchi democratici, Stefano Fassina. A colloquio con La Stampa, il viceministro dell'Economia anticipa che "la strada più probabile è quella di un rinvio per arrivare alla cancellazione dello scatto al 22% in autunno attraverso la legge di stabilità"'. Saranno contenti Alfano e il Pdl, ma pure i sindacati che a gran voce (unificata) hanno chiesto qualcosa di concreto all'esecutivo. Chissà invece come la prenderà il "titolare" di Fassina, il ministro dell'Economia Saccomanni, che sul tema Iva ha sempre usato molta cautela.

Sì alla maggioranza alternativa - Sull'Iva ''il vicepresidente Alfano deve ricordarsi che lui è il governo - ha pungolato Fassina -, e oltre a fissare degli obiettivi ha anche la responsabilità di trovare le soluzioni". E al segretario azzurro tira le orecchie: "Il Pdl deve ricordarsi che non governa con il Pd per fare un favore al Pd, ma per contribuire a risolvere i problemi dell'Italia. Chi gioca con i ricatti ne risponderà al Paese". A proposito di ricatti, però, Fassina torna alla carica sull'ipotesi di una maggioranza alternativa con Pd, pezzi di Sel e dissidenti del Movimento 5 Stelle: "L'evoluzione del quadro parlamentare sottolineato nei giorni scorsi da Bersani ed Epifani è reale". E via a un'altra granata tra i piedi del premier.

Messaggio alla Camusso - Fassina è scatenato e pizzica anche i sindacati: "In un mese e mezzo il governo ha fatto almeno tre decreti con contenuti importanti: è stata rifinanziata la cassa integrazione in deroga, sbloccati 40 miliardi di debiti della Pa, rifinanziate e potenziate le agevolazioni fiscali per le ecoristrutturazioni...". ''Con la loro mobilitazione - conclude il viceministro -, i sindacati riflettono una situazione drammatica che richiede una correzione di rotta della politica economica, la quale può avvenire solo nell'Eurozona". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • accanove

    24 Giugno 2013 - 09:09

    Quale sinistro riuscirà a capire che l' Iva deve tornare al 20% per un minimo di mercato interno, che la tassazione deve spostarsi dalle imprese ai capitali per ridare competitività nell'export e stabilizzarsi almeno 5 punti in meno perchè al 53% siamo destinati a diventare una Grecia statale fallita, il lavoro va agevolato e non ostacolato con la burocrazia perchè lo stato non può dare lavoro a tutti (come la Grecia). Dove si trovano i soldi? Dimezzate i vostri compagni politici, eliminate le province mandando a casa una miriade di succhia sangue, ritrattate il procedimento di acquisto nella sanità eliminando quel 20% di tangenti che vi girano. Fatelo e salteranno fuori almeno 200 miliardi. I sinistri sono disposti a mettere mano così profondamente ? Mai temo, troppo stupidi, presuntuosi ed ideologicamente tarmati nelle idee di economia.

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    24 Giugno 2013 - 01:01

    Bravi, continuate ad ascoltare bersanov e sprofonderete sempre di più...ma, non nella sabbia.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    23 Giugno 2013 - 19:07

    Ci vuole ancora un po' più di energia, poi il governo, tra te ed il nano del nano, cade

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    23 Giugno 2013 - 18:06

    Quindi, pur di non dar ragione al Cav. e fare la figura di merenda, preferiscono non decidere o tentare di trovare maggioranze alternative per non eliminare completamente l'IMU e per aumentare l'IVA. Berlusconi e Brunetta hanno indicato chiaramente, sin dalla campagna elettorale, in qual modo trovare i fondi necessari, ma evidentemente Letta e compagni di merende, preferiscono aumentare la benzina e le tasse, tentando di tirare a campare, sperando in maggioranze acquisite con compravendita di senatori. SINISTRI BUFFONI e delinquenti. Armiamoci coi forconi e liberiamo il paese dai parassiti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog