Cerca

Casta per sempre

Fini, Cicciolina, Rutelli & Co
Trombati con pensione d'oro:
fino a 5mila € al mese

I conti in tasca a chi è restato fuori dal Parlamento dopo le elezioni di febbraio. Nella lista c'è pure Di Pietro. A pagare siamo noi

Antonio Di Pietro, Gianfranco Fini, Francesco Rutelli

Antonio Di Pietro, Gianfranco Fini, Francesco Rutelli

Trombati ma con le tasche piene. Chi è rimasto fuori dal Parlamento, dopo il voto dello scorso febbraio, non se la passa male. Un vitalizio da 6000 euro può bastare per affrontare la dura vita da onorevole in pensione. A spulciare nei conti dei politici (ed ex) è stato il settimanale L'Espresso che ha pubblicato la lista delle buste paga dei parlamentari. Tra questi c'è anche chi supera i 6 mila euro al mese. Netti, ovviamente. E chi sono i Paperoni in pensione? Alcuni sono davvero dei "baby pensionati".

Per Fini e Rutelli quasi 6000 euro -  Ad esempio Gianfranco Fini è tra i più ricchi. L'ex presidente della Camera si può consolare con 5.614 euro al mese di vitalizio. Vita dura anche per Francesco Rutelli. "Cicciobello", l'ex sindaco di Roma ed ex vicepremier del governo di Romano Prodi, è il politico di centrosinistra che riceve il vitalizio più alto: 5.755 euro al mese. Una bella somma per il leader di Alleanza per l'Italia che ha scelto di non candidarsi alle ultime elezioni politiche.

Per Veltroni e D'Alema 5000 euro - E Veltroni? Anche lui (nell'attesa di aprire quel famoso ospedale in Kenya), ha le tasche piene. L 'ex segretario del Partito Democratico Walter Veltroni riceve ogni mese 5.373 euro. Come altri del suo partito, l'ex sindaco di Roma ha deciso di non ricandidarsi alle ultime elezioni politiche rimanendo fuori dal parlamento. Ma anche Massimo D'Alema si gode la vita fuori dal Palazzo. "Baffino" ha scelto di non ricandidarsi alle elezioni politiche di febbraio, rimanendo fuori dalle Aule. Il leader Maximo, però, si può consolare con 5.283 euro al mese di vitalizio. Claudio Scajola, ex ministro dei governi di Silvio Berlusconi, riceve invece ogni mese 4.656 euro di vitalizio. A causa delle vicende giudiziarie che lo vedevano implicato, a gennaio ha deciso di non ripresentare la sua candidatura in parlamento.

Povero Tonino -  Antonio Di Pietro invece è uno dei baby pensionati della Casta. Alle elezioni di febbraio si era presentato con la Rivoluzione arancione di Antonio Ingroia, ma i risultati del partito non hanno consentito alla lista di entrare in parlamento. E Tonino si deve accontentare di 3.702 euro al mese. Infine c'è la pensione pure per Ilona Staller. Cicciolina ha fatto una sola legislatura da parlamentare e riceve un assegno mensile di 2.120 euro. Un affare. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fausta73

    21 Ottobre 2013 - 08:08

    i vitalizi andrebbero ricalcolati in base agli anni lavorativi (???) e allo stipendio. E per prendere una pensione ci vuole un minimo di anni lavorativi, non che per un giorno o un anno si prende il vitalizio!!!! Sfruttatori dei cittadini!!!!!!!!!!!!!!!!!!Vergognatevi!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • encol

    20 Ottobre 2013 - 15:03

    Trombati e ladri ma comunque mantenuti da tutti noi. SIAMO DAVVERO UN POPOLO DI COGLIONI???????

    Report

    Rispondi

  • fullbank

    07 Ottobre 2013 - 10:10

    questi non muoiono mai!!!!

    Report

    Rispondi

  • valerio5

    06 Ottobre 2013 - 20:08

    vi siete dimenticati di PREVITI DELL'UTRI, ALEMANNO, PERA, e dulcis in fondo CIARRAPICO e altri impresentabili di destra che in questo momento non ricordo? zitti zitti c'è pure la MAIOLO e la Parenti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog