Cerca

Operazione a Roma

Cocaina, arrestato il direttore delle Poste del Senato

Orlando Ranaldi è ritenuto il braccio destro di un boss albanese che gestiva i pusher nella zona sud dell'hinterland di Roma

Arrestate altre nove persone, tra cui un vigile urbano e un autista di autobus di linea: smerciavano droga con le loro auto di servizio
Cocaina, arrestato il direttore delle Poste del Senato

Il direttore delle Poste del Senato Orlando Ranaldi è finito in arresto per spaccio di cocaina. L'uomo, dipendente di Poste Italiane, è ritenuto il braccio destro di un boss albanese, che con i suoi pusher gestiva il traffico di droga nella zona sud dell'hinterland di Roma. Oltre a Ranaldi, in manette sono finite altre nove persone, tre albanesi e sei italiani. Tra queste ci sono un vigile urbano del Comune di Valmontone, Stefano Gallo, e un autista di autobus di linea, Alessandro Mele, che smerciavano droga per conto dell'organizzazione utilizzando anche le loro auto di servizio.

Il traffico - Dall'operazione, che è durata circa sette mesi, è emerso che Ranaldi ritirava la droga con altri complici a Roma, per poi venderla nell'hinterland a nome dell'organizzazione. Continuano, intanto, le perquisizioni nei confronti di altre persone, possibili complici della banda italo-albanese: sono già state sequestrate centinaia di dosi di cocaina.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucy

    26 Settembre 2012 - 15:03

    riavranno i loro posti come se niente fosse! è accaduto anche dove lavoro io! e con la stessa qualifica!

    Report

    Rispondi

  • giooil

    26 Settembre 2012 - 07:07

    La mela non cade mai lontano dall'albero...

    Report

    Rispondi

  • icewall

    25 Settembre 2012 - 22:10

    Cocaina al Senato? Ecco quindi la spiegazione tecnica della causa di tante malefatte spacciate per leggi...

    Report

    Rispondi

  • thorglobal

    25 Settembre 2012 - 20:08

    Per quel che mi riguarda ci vuole il licenziamento in tronco,ma in Italia è vietato.Il dipendente pubblico è sacro e intoccabile.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog