Cerca

cronaca

Carabiniere ucciso, dimesso il collega /Video

Foggia

Esce dall'ospedale il compagno di pattuglia della vittima ricorda in un filmato il maresciallo Di Gennaro come un "fratello maggiore"

18 Maggio 2019

0
Carabiniere ucciso, dimesso il collega /Video
Esce dall'ospedale il compagno di pattuglia della vittima ricorda in un filmato il maresciallo Di Gennaro come un "fratello maggiore"

 Foggia, 18 mag. (AdnKronos) - Parenti, amici e autorità hanno atteso l'arrivo a casa a Caserta di Pasquale Casertano, il carabiniere di 23 anni, rimasto ferito in un agguato nel foggiano in cui fu ucciso il maresciallo Vincenzo Di Gennaro. "Sono felice di riabbracciare la mia famiglia e tutti i miei cari" ha detto il militare che ha lasciato questa mattina  l'ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo. Dopo un mese e cinque giorni di ricovero Casertano ritorna nella sua abitazione nei pressi della chiesa del Buon Pastore a Caserta. Il giovane, compagno di pattuglia della vittima, in un video ricorda il maresciallo Di Gennaro "fratello maggiore, persona che porterò per sempre nel cuore". "Queste cose non si dimenticano mai ma vanno solo affrontate e superate - aggiunge -. Bisogna solo andare avanti. Lui rimarrà per sempre nel mio cuore". Il carabiniere, nel filmato, diffuso sul canale YouTube dall'ospedale 'Casa Sollievo della Sofferenza', ringrazia "tutti i cittadini e la società civile che mi sono stati vicini in questo periodo brutto e particolare, anche solo tramite un messaggio o con i social, in particolare i bambini delle scuole che mi hanno scritto delle bellissime lettere d'affetto nei miei confronti che mi hanno emozionato davvero tanto. Quindi li ringrazio di cuore. Ci tengo anche a ringraziare soprattutto l'Arma dei carabinieri - prosegue Casertano - che mi è stata vicino in modo molto affettuoso e si è dimostrata davvero una grande famiglia. E' stato molto importante il suo apporto e l'apporto dei colleghi che mi sono stati vicino tutti i giorni in qualunque momento da quando sono arrivato qui in ospedale fino adesso che è l'ultimo giorno di degenza e anche dopo sarà sicuramente così. Poi voglio ringraziare tutta l'equipe medica della Chirurgia Addominale 1, in particolare la dottoressa Barzocchi, primaria, colei che mi ha operato, tutti gli infermieri e gli operatori socio-sanitari che mi sono stati vicino, oltre che dal punto di vista clinico, anche psicologico. Quando c'era da scambiare due chiacchiere lo si faceva. Mi hanno aiutato molto in questo periodo a superare questa degenza molto lunga", conclude il militare. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Regionali in Umbria, gli iscritti del Movimento 5 stelle al voto sulla piattaforma Rousseau

Giuseppe Conte: "Buon clima nel governo, si mettano da parte personalismi in favore della squadra"
Cerciello Rega, il video dei filmati ritrovati nei telefoni dei due americani: pistole e cocaina.
Salvini fuori dalla maggioranza? Mattarella battezza i rapporti con la Germania: "Livelli di eccellenza"

media