Cerca

sicilia

Nuove minacce per il procuratore di Agrigento

17 Luglio 2019

0

Palermo, 17 lug. (AdnKronos) - Nuove minacce di morte all'indirizzo del Procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio, e per la prima volta anche al gip Alessandra Vella. Due buste anonime, come apprende l'Adnkronos, sono arrivate al Palazzo di giustizia di Agrigento indirizzate ai due magistrati che si sono occupati del caso Sea watch. In particolare, a Patronaggio è stata indirizzata una busta contenente polvere da sparo e alla giudice per le indagini preliminari Alessandra Vella, che ha scarcerato la comandante Carola Rackete, l'ogiva di un fucile. Sul luogo sono intervenuti i carabinieri che conducono l'indagine. Entro stasera, come apprende l'Adnkronos, sarà convocata una riunione straordinaria del Comitato per l'Ordine e sicurezza di Agrigento, presieduta dal Prefetto Dario Caputo.

In una lettera minatoria viene accusato "di partecipazione alla loggia satanico massonica" e di "riti satanici e di stupro rituale di bambini procurati dagli zingari", in un'altra lettera di minacce viene inviata al Procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio, un fallo, realizzato con la carta, di 1,5 metri. E poi, ancora, biglietti, alcuni scritti a mano e altri al computer, ma tutti rigorosamente anonimi. Sono in tutto una ventina le lettere di minacce bloccate al centro di smistamento di Favara (Agrigento). Sulle lettere indagano i carabinieri della Scientifica.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Greta Thunberg come una rockstar a Torino: così la svedesina ringrazia la folla

Boris Johnson, l'accoglienza trionfale a Downing Street dopo il trionfo al voto
Giuseppe Conte
Giorgia Meloni, il flusso del trionfo: "8 nuovi voti su 10 per Fratelli d'Italia vengono dal M5s"

media