Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palermo, Premio Pino Puglisi al Procuratore Patronaggio e a don Ferrari

default_image

AdnKronos
  • a
  • a
  • a

Palermo, 2 dic. (Adnkronos) - C'è anche il Procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio tra i sette vincitori del Premio dedicato a don Pino Puglisi, il prete antimafia ucciso il 15 settembre 1993 a Palermo da Cosa nostra. Il magistrato ha un legame profondo con padre Puglisi avendo coordinato le indagini e una parte del dibattimento sull'omicidio del prete di Brancaccio. Un'esperienza giudiziaria, che come ha detto lo stesso Procuratore è stata “una straordinaria avventura umana riconoscendo in don Pino l'esempio dell'affermazione della dignità umana”. Quest'anno il Premio Puglisi, presieduto dal vescovo di Palermo, monsignor Corrado Lorefice, giunto alla quindicesima edizione è stato dedicato a un "fenomeno preoccupante, sempre più in crescita", quello dei giovani "costretti ad emigrare per realizzare i propri sogni". Dopo il monologo di apertura di Antonio Selvaggio, il primo premiato a salire sul palco è stato l'autore e giornalista Domenico Iannacone che ha ricevuto il riconoscimento per la sua “straordinaria capacità di porre l'essere umano al centro dei suoi racconti entrando nel vissuto dell'esperienza altrui con garbo, discrezione e sincera partecipazione”. Il secondo premiato è stato Massimiliano Sechi, che ha partecipato alla serata con un collegamento da casa. Venuto al mondo senza braccia e senza gambe, Sechi ha fatto della disabilità una grande risorsa. La sua missione "come mental coach è quella di aiutarci a capire che, a prescindere da ciò che ci accade, possiamo sempre trovare un motivo per essere felici. In ogni aspetto della nostra esistenza possiamo trovare una ragione di felicità e speranza". Terzo premiato il medico Gloria Pelizzo, che ha rivoluzionato il concetto di chirurgia pediatrica, operando bimbi in grembo affetti da spina bifida ed effettuando interventi di chirurgia robotica su lattanti e bambini di basso peso. Di sé dice di non aver fatto nulla se non dire sì al susseguirsi di chiamate di cui ancora non ha capito pienamente il senso.

Dai blog