Cerca

Torna l'incubo

Giulio Tremonti: "Oggi come 10 anni fa, siamo alla vigilia di una crisi finanziaria"

14 Agosto 2017

14
Giulio Tremonti: "Oggi come 10 anni fa, siamo alla vigilia di una crisi finanziaria"

"Sarebbe un miracolo se la bolla non ci fosse". Non c'è spazio per "l'ottimismo acritico" nelle parole di Giulio Tremonti. L'ex ministro dell'Economia del governo Berlusconi, intervistato dal Corriere della Sera, avverte tutti: a 10 anni dalla grande crisi finanziaria che ha messo in ginocchio il mondo partendo dagli Usa (e che ancora blocca la ripresa in Italia), il pericolo di ricaduta è più concreto che mai. "Dal 2007 a oggi le cause della crisi sono ancora tutte lì - spiega Tremonti -. Se allora c'erano numeri eccessivi, oggi sono esplosivi. La liquidità eccessiva che ha causato la crisi dieci anni fa, oggi è esponenzialmente superiore. La finanza sta subendo una mutazione genetica spaventosa. Ci sono tutti gli elementi in cui nascono le famigerate bolle".

Le analogie con 10 anni fa sono inquietanti: "Siamo in agosto, come nel 2007, e nella tradizione le crisi scoppiano in questo mese, fatalmente negativo. E siamo nella ricorrenza del decennale. C'è un terzo elemento di identità col passato, ed è l'assoluta tranquillità di tutti. Si va in vacanza con una serie di indicatori tutti positivi, in un'atmosfera assolutamente distesa. Ma ignorare l'elemento/criterio della precauzione, fondamentale principio della ragione, è un errore soprattutto quando non è solo questione di mesi o ricorrenze, ma siamo davanti a un ottimismo acritico".

A far scatenare una nuova crisi potrebbe essere la "mutazione genetica" della finanza, legata oggi più che mai a Internet, al 2.0, alla valuta "virtuale" come i Bitcoin: "Nel 2007 l'eccesso di liquidità fu la causa della crisi, con i prestiti subprime e i prestiti Ninja . C'era un eccesso di finanza incontrollata. Rispetto ad allora ci sono due differenze. Quantitativamente: i numeri del 2007 erano eccessivi, adesso sono esplosivi. Qualitativamente: tra i soggetti della finanza è in atto un'incredibile, accelerata, mutazione della specie". La finanza batte l'economia reale, la speculazione domina il potere politico e ne condiziona la direzione. E così 10 anni di crisi potrebbero essere passati invano: "Churchill diceva che non c'erano state due guerre mondiali, ma una sola con un lungo armistizio in mezzo. Ecco, secondo me oggi rischiamo una situazione simile".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fr4nk28

    15 Agosto 2017 - 11:00

    e voi date spazio ad un idiota di una incompetenza siderale di supponenza ridicola e che ci ha donato la maggior parte del fisco predatorio di questi anni ?? ma va a ciapa i ratt !!!

    Report

    Rispondi

    • bmunerin

      19 Agosto 2017 - 11:56

      Ma è sicuro che sia stata tutta colpa di Tremonti ?? O di quelli come lei!!!!

      Report

      Rispondi

  • Etore53

    14 Agosto 2017 - 16:37

    Allora tutte le criptevalute capitalizzano assieme 120 miliardi, la borsa americana da sola 17000, quindi l'eccesso di liquidità che può fare il botto è lì, come 10 anni fa(anche perché la Steagal-Glass non è stata rimessa). Dottor Tremonti io l'ho sempre stimata, ma su questo punto è meglio che prenda informazioni più precise.

    Report

    Rispondi

  • antipifferaio

    14 Agosto 2017 - 13:43

    Annamo bene...avrebbe detto il grande Fabrizi... Mah...credo che quello che dice Tremonti sia possibile. Basta capire che le condizioni economiche, lavorative, insomma di vita sono peggiorate. Questo basta per trarre 2 conclusioni. Uno, se si peggiora sempre e a un certo punto la discesa diventa un precipizio. Due, se non fai altro che precipitare poi ti ritrovi nel concime organico...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Scontro tra tifoserie in Basilicata, un uomo muore investito: la prima ricostruzione

Gregoretti, Pietro Grasso: "Non è disappunto, la mia posizione è giustificata dal diritto internazionale"
Brad Pitt, clamoroso bacio dietro le quinte con Jennifer Aniston. E i fan sperano in un ritorno di fiamma
Giuseppe Conte

media