Cerca

economia

Confesercenti: "No alla tassa sui contanti"

Fisco

Il Centro Studi Confindustria ha proposto, infatti, una commissione del 2% sui prelievi superiori ai 1.500 euro mensili per incentivare l'uso di carte di credito e bancomat

11 Settembre 2019

0
Confesercenti: "No alla tassa sui contanti"
Il Centro Studi Confindustria ha proposto, infatti, una commissione del 2% sui prelievi superiori ai 1.500 euro mensili per incentivare l'uso di carte di credito e bancomat

Roma, 11 set. (AdnKronos) - "Quella della tassa sui contanti è un'idea che non ci piace: sarebbe una stangata da miliardi di euro sui consumatori, che concorrerebbe sicuramente a deprimere ancora di più la spesa delle famiglie, già in rallentamento. Ci chiediamo inoltre quale sarebbe l'impatto di una misura del genere sulla popolazione più anziana del nostro Paese". Così Confesercenti, in una nota, commenta la proposta tecnica, avanzata dal Centro Studi Confindustria di disincentivare l'utilizzo del contante applicando una commissione del 2% sui prelievi eccedenti i 1.500 euro mensili.

"Siamo assolutamente convinti - continua la nota - della necessità di promuovere la diffusione della moneta elettronica, non solo per ragioni di tracciabilità e trasparenza, ma anche di sicurezza degli operatori commerciali. Ma al bastone preferiremmo la carota: quella della tassa sui contanti non è la strada giusta, meglio incentivare l'utilizzo di carte di credito e bancomat, con agevolazioni per i consumatori e minori costi per le imprese".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Regionali in Umbria, gli iscritti del Movimento 5 stelle al voto sulla piattaforma Rousseau

Giuseppe Conte: "Buon clima nel governo, si mettano da parte personalismi in favore della squadra"
Cerciello Rega, il video dei filmati ritrovati nei telefoni dei due americani: pistole e cocaina.
Salvini fuori dalla maggioranza? Mattarella battezza i rapporti con la Germania: "Livelli di eccellenza"

media