Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pensioni, i nuovi requisiti del 2020 e la mini-rivalutazione: chi può vedersi aumentare l'assegno

Esplora:

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

Come nel 2019, anche nel 2020 la pensione di vecchiaia si conquista a 67 anni di età e un minimo di 20 anni di contributi. La cosiddetta pensione anticipata - come sottolinea il Giorno -  a prescindere dall'età, prevede requisiti differenziati per uomini e donne: il lavoratori devono raggiungere i 42 anni e 10 mesi di contributi, mentre le lavoratrici devono raggiungere i 41 anni e dieci mesi di contributi. Rimane, almeno per l'anno in corso, anche Quota 100 che permette di andare in pensione con almeno 62 anni di età e 38 di contributi. La finestra è di tre mesi per i privati e di sei per i pubblici ed è mobile. Mentre la manovra prevede anche la proroga per un anno dell'Ape social, che si può ottenere dai 63 anni per coloro che si trovano in condizioni di disagio. Leggi anche: Pensioni, Pasquale Tridico propone la correzione sull'aspettativa di vita: "Cosa cambierà dopo i 60 anni" A usufruire del canale di anticipo anche i precoci, quei lavoratori che hanno cominciato a lavorare durante la minore età, e coloro che svolgono attività usuranti nel 2020 (e fino al 2026). Le agevolazioni non finiscono qui, perché il governo giallo-rosso ha introdotto "l'isopensione", che contempla la possibilità di uscita con cinque anni di anticipo, a condizione che l'impresa paghi un'indennità pari alla pensione maturata, senza versare, però, anche i contributi per gli anni di anticipo come nella versione originaria del meccanismo. Agevolazioni, queste, che però cambiano l'assegno pensionistico rivalutato, nel caso si scelga la via breve, del 20/25 per cento. Non solo, perché è stata introdotta nella manovra anche una vera beffa: una mini-rivalutazione degli assegni pensionistici di importo tra 1.500 e 2mila euro circa. Da un adeguamento all'inflazione del 97%, da ieri si è passati al 100%. A conti fatti, però, per il Giorno si tratta di pochi spiccioli, meno di 5 euro l'anno, considerando che l'incremento previsto è dello 0,4. 

Dai blog