Cerca

Fini striglia la Lega

E rilancia su voto a immigrati

3 Settembre 2009

25
Fini striglia la Lega
Sull’immigrazione occorre una “discussione serena” e non fare solo della propaganda. E in vista delle Amministrative, sarebbe una sfida da vincere quella di concedere il voto proprio agli immigrati. Gianfranco Fini non molla e, ospite del convegno delle Acli a Perugia, torna alla carica: “Serve una discussione serena e seria che parta da alcuni dati di fatto e dall'esperienza di altri Paesi senza cedere a tentazioni propagandistiche in vista delle prossime tornate elettorali”. Il riferimento è soprattutto alla Lega Nord.
"Il voto agli immigrati? Scelta lungimirante" - Il presidente della Camera non si è fermato qui e ha aggiunto che è “una scelta coraggiosa e lungimirante” quella compiuta da alcuni Paesi europei come la Danimarca, la Svezia, la Finlandia e l'Olanda che hanno esteso “agli stranieri il diritto di voto in occasione delle elezioni locali e regionali”. Questa scelta per Fini “tende a riavvicinare la cittadinanza sociale a quella politica, nonché a fornire nuove opportunità di integrazione ai lavoratori stranieri attraverso la partecipazione alla vita democratica”.
"Rischio di tensioni sociali" - “I diritti degli stranieri - ha proseguito - sono tutelati dal principio generale d'uguaglianza che impedisce ogni forma di discriminazione nella fruizione dei diritti sociali, e tuttavia tale garanzia non comprende l'esercizio dei diritti politici. Ci troviamo di fronte - ha osservato - ad una contraddizione che non può essere negata e che può produrre, in prospettiva, tensioni sociali e determinare nuove forme di emarginazione”.
Frattini: chi paga le tasse deve essere rappresentato - Dalle colonne del Corriere della Sera, anche il ministro degli Esteri, Franco Frattini, ha aperto al voto per gli immigrati: “Chi paga le tasse, chi parla l'italiano, chi rispetta la Costituzione e la bandiera, deve avere il diritto di rappresentanza. No taxation without representation; come possiamo riscuotere tasse, se non ricono¬sciamo a chi le paga il diritto di essere rap¬presentato?”. Per il titolare della Farnesina, “il PdL deve lavorare in modo or¬ganico su un'integrazione non solo securi¬taria. Purtroppo, temo che se oggi sottopo¬nessimo a un esame la conoscenza della lingua e della Costituzione degli extraco¬munitari che sono in Italia anche da più di cinque anni, non molti lo passerebbero. Ma se ci sono uomini e donne che amano l'Italia, perché dobbiamo considerarli stra¬nieri? Con tutti gli italiani che non amano il loro Paese...”.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lozzaVAitalia

    08 Settembre 2009 - 13:01

    Il grandissimo FINI è l'unico a far funzionare il cervelo in un'assise di gente poco ragguardevole, ed è l'unico ad aver capito che il governo escort è giunto a capolinea.

    Report

    Rispondi

  • kinowa

    05 Settembre 2009 - 12:12

    Caro Fini a sinistra hanno bisogno, passa dall'altra parte e non romperci più. Quasi quasi mi piace piu la lega, e questo grazie a te!!! Ho sempre votato MSI e poi AN, ma ora????? Povero Berlusconi, quante serpi in seno.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    05 Settembre 2009 - 12:12

    Tranquillo,la lega ha già servito casini di barba e capelli,per questo è così odiata da costui,tempo al tempo e ce ne sarà anche per l'altra "punta",che punta sempre più in alto,sperando nell'aiutino della sinistra,dimostrando così di essere un opportunista sempre più inaffidabile per aver tradito i propri elettori e per essersi venduto per un piatto di lenticchie.P.S. ma non sarà che questo farà come Follini e passerà dall'altra parte?Almeno sarebbe tutto più chiaro e lineare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media