Cerca

Fao, cresce la fame nel mondo

Colpito un miliardo di persone

14 Ottobre 2009

3
Fao, cresce la fame nel mondo

La fame nel mondo continua ad aumentare a causa della crisi economica mondiale. Lo denuncia la Fao. Le persone oggi colpite dalla fame sono 1,02 miliardi, vale a dire un sesto della popolazione mondiale. Secondo quanto evidenziato nel rapporto, questa drammatica soglia è stata superata per la prima volta dal 1970. "Nessun paese è stato risparmiato e oggi sono i paesi più poveri - e le popolazioni più indifese - che ne soffrono di più le conseguenze", ha deplorato Jacques Diouf, direttore generale della Fao.

Secondo il rapporto annuale "The State of Food  Insecurity", pubblicato dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Agricoltura e  l'Alimentazione e dal Pam (il Programma alimentare mondiale), la quasi totalità di queste persone vive nei Paesi in via di sviluppo: in Asia e nel Pacifico si stima siano 642 milioni, nell’Africa  subsahariana 265 milioni, in America Latina e Caraibi 53 milioni, nel  Vicino Oriente e Nord Africa 42 milioni, nei paesi sviluppati 15  milioni. Il rapporto è stato pubblicato in concomitanza con la  Giornata mondiale dell’alimentazione che si celebra venerdì. L'aumento del numero di quanti soffrono la fame sia durante periodi di prezzi bassi e di prosperità economica sia in periodi di prezzi alti e di recessione economica mostra, secondo la  Fao, l’estrema debolezza del sistema mondiale di governance della sicurezza alimentare ed evidenza quanto sia necessaria e urgente la riforma del sistema alimentare mondiale.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mariser

    16 Ottobre 2009 - 17:05

    Finché ci saranno funzionari "affamati", i nostri aiuti non sfameranno mai quei poveri che davvero soffrono la fame. Troppe parole vuote nei troppi congressi, convegni e raduni che si svolgono in tutto il mondo, attingendo alla generosità di chi, col suo contributo, si illude di aver dato qualche piatto di minestra a chi non ha da mangiare. Si vuole discutere della fame nel mondo? Bene, lo si faccia, ma chi lo vuol fare si paghi i viaggi e gli alberghi col suo stipendio, non con i soldi frutto della generosità di persone sensibili che, a volte, si privano loro di qualcosa nell'illusione di far del bene.

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    16 Ottobre 2009 - 15:03

    ferrarigiuliano , non ha la memoria corta . c'è stato un articolo sulle ruberie della fao. , poi urlano che , gli altri , fanno schifo per il comportamento immorale verso gli affamati. rinunciate ai vostri esosi stipendi , prendete il cibo e andate in africa , in cina , in america latina e portate il vostro miserevole aiuto . non sarete "meglio" ma meno indecenti

    Report

    Rispondi

  • allengiuliano

    15 Ottobre 2009 - 11:11

    Spiace per quella povera gente. Quando i "papponi" responsabili della FAO "mangeranno" meno, dei soldi dati per la gente, spendendo enormità per congressi, viaggi, conferenze ecc... sarà sempre tardi e qualche piatto in più a quelli che ne hanno di bisogno arriverà. Basta rubare! Sono una cosa vergognosa gli stipendi dei dirigenti di questa "macchina" mangiasoldi. Si e no per quei poveri disgraziati arriva un quarto dei soldi dati per la "carità" il resto è sbaffamento totale!.

    Report

    Rispondi

media