Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vulcani, il geologo Mario Tozzi: "I più micidiali sono i Campi Flegrei, 600mila persone a rischio"

  • a
  • a
  • a

"L'Italia è un Paese di vulcani, che possono diventare un grande problema, quando non si guarda con rispetto il loro territorio": a lanciare l'allarme è il geologo Mario Tozzi sulla Stampa. Partendo dalle eruzioni dell'Etna in Sicilia, lo studioso ha elencato tutta una serie di vulcani che potrebbero causare delle vere e proprie stragi. L'Etna, infatti, non è ad altissimo rischio, "perché le eruzioni sono calme e avvengono in zone ben studiate e relativamente meno popolate"; ma ci sono altri vulcani molto pericolosi.

 

 

 

Innanzitutto c'è Vulcano, isola appartenente all'arcipelago delle Eolie. "Le sue eruzioni sono esplosive e molto violente e possono arrivare a distruggere lo stesso cono da cui si sviluppano", ha spiegato Tozzi. Purtroppo, però, c'è un problema: la zona è abitata. "Pare che a Vulcano nessuno si sia accorto che qui non si dovrebbe costruire nemmeno un muretto, visto che l' isola è stata oggetto della più spietata speculazione edilizia del Mediterraneo: da sei ettari occupati da costruzioni nel 1954 a 193 ettari nel 2007. Una vera follia. In un posto pericoloso come pochi altri", ha continuato il geologo.

 

 

 

Per non parlare poi del rischio che si corre in Campania con il Vesuvio e i Campi Flegrei. Parlando del primo, in particolare, il geologo ha spiegato: "Quello che ne fa uno dei vulcani a maggior rischio del mondo sono i flussi piroclastici (quelli di Pompei), bollenti e superveloci, e le ceneri, che arrivano a valle in torrenziali colate di fango (come quelle del 1631), o ricadono a pioggia soffocando e invadendo". Ma ancor più micidiali sono i Campi Flegrei: "Li abbiamo considerati, a torto, spenti, tanto da aver colonizzato i 29 crateri di quello che a tutti gli effetti è il secondo supervulcano del mondo, dopo quello di Yellowstone. Molto più pericoloso, considerando che lì c' è un grande parco nazionale e pochissimi abitanti, mentre qui ci sono 600 mila persone a rischio".

 

 

 

Dai blog