Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Chef Rubio, sfregio a Matteo Salvini dopo il malore: "Dato che fai le foto pure quando doni il sangue..."

Davide Locano
  • a
  • a
  • a

Ogni giorno un nuovo capitolo del delirio continuativo di Chef Rubio. L'ultimo è, come sempre, grottesco e altrettanto scandaloso. L'uomo che aveva attaccato i due poliziotti uccisi in questura a Trieste (giusto per citare uno dei suoi ultimi sfondoni), oggi se la prende col suo bersaglio preferito, ovvero Matteo Salvini, il quale è stato ricoverato per una colica renale all'aeroporto proprio di Trieste, dove era arrivato per prendere parte ai funerali solenni degli agenti uccisi, Pierluigi Rotta e Matteo Demengego. Leggi anche: "Pago le tasse per farlo giocare": Chef Rubio ancora contro Salvini Dunque Chef Rubio scrive: "Ogni volta che fa una figuraccia il giorno dopo magicamente arriva qualcosa - e la figuraccia, si suppone, sarebbe quella rimediata in tv martedì sera nel confronto con Matteo Renzi -: proiettili in busta, coliche etc etc. Visto che ti fai le foto pure quando te fai le analisi del sangue per far vedere quanto sei bravo - sputazza Chef Rubio -, perché non ci fai vedere il referto medico? Non vale postdatarlo", conclude Chef Rubio in un inquietante e assoluto delirio con cui, di fatto, afferma di non credere al malore. La riposta di Salvini, sempre su Twitter, non ha tardato ad arrivare: "Ma questo signore che problemi ha? Perfino su un problema di salute riesce a far polemica, che persona squallida", conclude il leader della Lega. Di seguito il tweet di Chef Rubio e quello di Matteo Salvini: Ogni volta che fa una figuraccia il giorno dopo magicamente arriva qualcosa: proiettili in busta, coliche etc etc. Visto che ti fai le foto pure quando te fai le analisi del sangue per far vedere quanto sei bravo, perché non ci fai vedere il referto medico? Non vale postdatarlo— Chef Rubio (@rubio_chef) October 16, 2019 Ma questo signore che problemi ha??? Perfino su un problema di salute riesce a far polemica, che persona squallida... LINK https://t.co/v2uiP8vWRy pic.twitter.com/jEWP4g5Xru— Matteo Salvini (@matteosalvinimi) October 16, 2019

Dai blog