Cerca

Qualcuno lo fermi

Chef Rubio, sfregio a Matteo Salvini dopo il malore: "Dato che fai le foto pure quando doni il sangue..."

16 Ottobre 2019

1
Chef Rubio

Ogni giorno un nuovo capitolo del delirio continuativo di Chef Rubio. L'ultimo è, come sempre, grottesco e altrettanto scandaloso. L'uomo che aveva attaccato i due poliziotti uccisi in questura a Trieste (giusto per citare uno dei suoi ultimi sfondoni), oggi se la prende col suo bersaglio preferito, ovvero Matteo Salvini, il quale è stato ricoverato per una colica renale all'aeroporto proprio di Trieste, dove era arrivato per prendere parte ai funerali solenni degli agenti uccisi, Pierluigi Rotta e Matteo Demengego.

Dunque Chef Rubio scrive: "Ogni volta che fa una figuraccia il giorno dopo magicamente arriva qualcosa - e la figuraccia, si suppone, sarebbe quella rimediata in tv martedì sera nel confronto con Matteo Renzi -: proiettili in busta, coliche etc etc. Visto che ti fai le foto pure quando te fai le analisi del sangue per far vedere quanto sei bravo - sputazza Chef Rubio -, perché non ci fai vedere il referto medico? Non vale postdatarlo", conclude Chef Rubio in un inquietante e assoluto delirio con cui, di fatto, afferma di non credere al malore. La riposta di Salvini, sempre su Twitter, non ha tardato ad arrivare: "Ma questo signore che problemi ha? Perfino su un problema di salute riesce a far polemica, che persona squallida", conclude il leader della Lega.

Di seguito il tweet di Chef Rubio e quello di Matteo Salvini:

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francoruggieri

    17 Ottobre 2019 - 08:08

    @Andrea Mazzucco: non credo che andrà nel PD. E' troppo fregnone perfino per loro. Forse andrà con Sinistra Italiana. O forse fonderà un partito tutto suo a sinistra di Stalin.

    Report

    Rispondi

Luca Zaia: "Basta insulti ai veneti, il mio compito è difenderli. Ora quereliamo"

Vincenzo De Luca: "Dialogo con il M5s? Non parlo più di politica politicante, solo fatti concreti"
Alessandro Morelli: "I 5s aprivano scatolette di tonno, gli altri sono figli delle sardine: un governo ittico"
Open Arms, il video propaganda dopo l'indagine contro Matteo Salvini

media