Cerca

Lo strappo

Luigi Di Maio, la vendetta del soldatino contro Beppe Grillo: "Adesso il capo sono io"

24 Gennaio 2018

1
Luigi Di Maio, Beppe Grillo

Dai vertici del M5s cercano di minimizzare, affermando che il nuovo blog di Beppe Grillo è tutto tranne che uno strappo con il Movimento. Eppure, la realtà sembra differente. Anche e soprattutto considerate le parole scritte da Beppe nel suo primo intervento sul nuovo blog. E ancora, nelle ultime settimane si sono rincorse le indiscrezioni sui rapporti sempre più tesi tra Grillo e Luigi Di Maio, ma anche tra lo stesso Grillo e Davide Casaleggio.

Il candidato premier da par suo, ospite martedì sera di Porta a Porta, ha affermato: "Il M5s lo ha iniziato lui, ma ora va avanti sulle sue gambe, è sempre più forte, questo senza parricidio e senza rinnegare il passato". Eppure, ciò che aggiunge subito dopo il leader, in un certo senso, fa capire come l'intesa tra i due fosse degradata: "Ora il M5s cammina sempre di più sulle proprie gambe. Beppe resta il garante e il padre nobile, poi però esiste un nuovo statuto, il sito Blog delle stelle e un nuovo simbolo. Grazie a Beppe il Movimento è nato e io ora sono il capo politico - sottolinea -. Il garante è un riconoscimento che si dà a chi lo ha fondato, senza con questo sminuire il ruolo di Beppe".

Restano però le parole, pesanti come pietre: Grillo è il garante, "io" - ovvero Di Maio - sono il capo politico. Peccato che fino a qualche settimana fa, il "capo politico" sembrava essere Grillo, in tutto e per tutto. O al massimo Davide Casaleggio, che forse capo politico è ancora. E non a caso, Di Maio rivendica il suo ruolo di capo, in perfetta sintonia con quel Casaleggio che, probabilmente, di Beppe non ne voleva più sapere (un sentimento per altro reciproco).

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sonnynauta

    25 Gennaio 2018 - 17:05

    È naturale che due idioti che si alleano prima o poi si dividano! Sono leggi della natura ineludibili.

    Report

    Rispondi

Giorgia Meloni svela il vero obiettivo di Conte: "Salvare le poltrone del M5s"

Giuseppe Conte entra in Senato, applausi e strette di mano con i ministri 5 stelle. Gelo con i leghisti
Giulia Bongiorno: "Lega compatta, se c'è stata una rottura coi 5 stelle è solo perché vogliamo fare bene"
Luigi Di Maio lascia la riunione dei gruppi M5s senza fare dichiarazioni. Bocche cucite tra i grillini

media