Cerca

A sorpresa

Giorgia Meloni candida Adolfo Urso: "Io, ultimo ex di An. Fini ha sbagliato, la Lega la batto"

31 Gennaio 2018

2
Giorgia Meloni candida Adolfo Urso: "Io, ultimo ex di An. Fini ha sbagliato, la Lega la batto"

"Io, l'ultimo di Alleanza nazionale". Non è proprio l'unico ex An candidato tra le fila del centrodestra, ma di sicuro Adolfo Urso appare il più combattivo erede del partito che fu di Gianfranco Fini. E che ebbe il coraggio di lasciare nel 2011, l'anno della svolta centrista dell'allora presidente della Camera. Oggi, a 60 anni e dopo 5 di esilio dalla politica, il padovano di nascita e siciliano d'adozione torna in pista, candidato per un seggio al Senato proprio in Veneto con Fratelli d'Italia. dietro un'altra ex An, Daniela Santanchè.




L'ex vice ministro per lo Sviluppo economico del governo Berlusconi, intervistato dal Tempo, vede in Giorgia Meloni, l'unica che "con la sua caparbietà e l'intelligenza, poteva ricostruire la destra italiana. Un miracolo che tutti gli riconoscono". Urso in questi ultimi 5 anni ha fatto l'imprenditore, settore servizi e internazionalizzazione delle imprese.  "Sono un imprenditore italiano e dunque un vero patriota, come dice la stessa Giorgia". La sfida ora non è solo arrivare in Parlamento ma "ricostruire una classe politica e dirigente in generale". In Veneto Urso si ritroverà alleata la Lega. "L'ultima volta che mi sono candidato nel Veneto, come capolista di An, nel 2006, guadagnammo il 30% rispetto al 2001, scavalcando la Lega - ricorda con un filo di veleno il candidato di FdI -. Anche nel Veneto, ci può essere una destra che guarda alle imprese, che parla il linguaggio della produzione e che può competere all'interno di una coalizione di alleati anche con la Lega". E Fini? "Sul piano politico, il giudizio è assolutamente negativo. Sul piano umano, invece, a me non piace partecipare ai plotoni di esecuzione a guerre finite".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Gabbanino

    31 Gennaio 2018 - 15:03

    Lilly. Rodella se la Meloni era a Roma ne vedevamo delle belle. Se Roma non sprofondata prima. È solo una parolaia che cerca disperatamente di difendere la poltrona.

    Report

    Rispondi

  • miraldo

    31 Gennaio 2018 - 13:01

    La Meloni è proprio alla frutta..........................Questo soggetto incapace e vedendo che il suo lavoro non rende cerca la poltrona e lo stipendio sicuro. Fratelli d'Italia altro non fanno che ripetere tutto quello che dice la Lega di Salvini., ma il popolo preferisce l'originale.........................

    Report

    Rispondi

media