Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il Corsera, Luigi Di Maio vuole Marco Minniti nel suo governo M5S-Pd

Matteo Legnani
  • a
  • a
  • a

E' stato sconfitto nella sfida nel collegio uninominale di Pesaro. Proprio lui che era stato tra i ministri più apprezzati del governo Gentiloni per l'azione contro gli sbarchi incontrollati dei migranti, è stato travolto dall'ondata grillina che si è abbattuta anche sulla città marchigiana. Ma il ministro dell'Interno Marco Minniti potrebbe ora trovarsi "ripescato" proprio da quei 5 Stelle che lo hanno affondato appena pochi giorni fa. Lo scrive il Corriere della Sera, riportando come il candidato premier dei grillini Luigi Di Maio si stia trovando col passare dei giorni a nuotare in acque sempre più basse, nel tentativo di rastrellare consensi coi quali presentarsi da Mattarella e farsi dare l'incarico di governo. La mossa di Renzi, quella delle dimissioni rinviate (per finta) gli ha tagliato le gambe, perchè ha fatto uscire allo scoperto gli inciuciatori del Pd che stavano già trattando con Di Maio a urne appena chiuse. La maggior parte della minoranza ha "dovuto" sconfessare di avere in corso accordi con il M5S. Ma certo, una parte resta disponibile. In silenzio. In attesa di vedere cosa succederà nei prossimi giorni e sopratutto lunedì, quando si terrà la direzione nazionale del Pd. Leggi anche: Da Grasso a Boldrini, da Minniti a Pinotti, la lista dei "big" sconfitti e ripescati Ed è a questa "parte" di Pd che Di Maio continua a guardare e a lanciare messaggi di disponibilità per evitare di dover in alternativa percorrere strade a quel punto davvero accidentate, come l'ipotesi di un'intesa con la Lega, che dopo le prime ore post-voto pare davvero essere tramontata. E tra gli uomini cui l'ex venditore di bibite allo stadio San paolo guarda con interesse e speranza ci sarebbe, secondo il Corsera, proprio Marco Minniti. Su Repubblica, anzi, lo stesso Di Maio fa filtrare oggi l'ipotesi di poter rinunciare a qualche ministro in cambio di personalità di alto profilo targate Pd, tra le quali non può non essere inserito il ministro dell'Interno.

Dai blog