Cerca

Contrasti

Libia, si spacca il governo giallo-verde. Il ministro Enzo Moavero sfida Matteo Salvini

14 Settembre 2018

5
Libia, si spacca il governo giallo-verde. Il ministro Enzo Moavero sfida Matteo Salvini

Mentre Matteo Salvini dialoga con Sarraj e appoggia Misurata, la Farnesina rappresentata dal ministro Enzo Moavero Milanesi ed Elisabetta Trenta sulla questione libica cerca di dialogare in accordo con il presidente francese Emmanuel Macron e con Sergio Mattarella.

Insomma, se nel contrasto tra le due capitali Tripoli e Bengasi, ergo Sarraj e Haftar, si inserisce Misurata la città delle milizie forti che hanno sgominato l'Isis a Sirte un anno fa e dove non a caso ha sede un ospedale militare italiano, con circa 300 tra medici, infermieri e soldati. Qui, sottolinea La Stampa, l'uomo forte è il vice di Sarraj, Ahmed Maitig, interlocutore fisso dell'ex ministro Marco Minniti, e ora vicino a Salvini.

Il governo giallo-verde sta rivoluzionando lo schema di gioco in Libia. Moavero è andato in visita a Bengasi, per colloqui diretti con il generale Haftar in vista della conferenza internazionale di novembre sulla Libia che si dovrebbe tenere a Sciacca. I temi sono di fatto in contrasto con la road map francese di elezioni generali da tenere il 10 dicembre. E il dilemma  dell'Italia è quale atteggiamento avere nei confronti di Macron. Cosa farà il governo Conte? Che strada sceglierà tra quella di Salvini e Di Maio (contrari alla linea francese) e quella diplomatica di Moavero, Trenta e Mattarella che preferirscono procedere in accordo con la Francia?  

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 323648

    15 Settembre 2018 - 08:08

    Matteo Salvini sta puntando su Ahmed Maitig per prevenire il problema dei migranti e, comunque, sarebbe più vantaggioso per noi avere un altro alleato di questa levatura. Moavero e Trenta, invece, giocano una partita più importante cioè, mantenere la leadership in nostro favore contro la pressante insistenza dei nostri antagonisti d'oltralpe. Non sarà facile, ma noi abbiamo Trump dalla nostra.

    Report

    Rispondi

  • ROGIX

    14 Settembre 2018 - 20:08

    Basta che la finiscano e blocchino questo traffico umano uno vale l'altro .

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    14 Settembre 2018 - 20:08

    Ci mancava questo furbetto di Macron per capire che capire che l'europa non sarà mai unita. Tutti fratelli coltelli, tutti buonisti e accoglienti ma tutti con le frontiere chiuse

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media