Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Matteo Salvini, la data senza ritorno: quando non avrà più margine per decidere sulle elezioni

Cristina Agostini
  • a
  • a
  • a

Il governo Lega-M5s è al suo primo stress test dopo il risultato conseguito da Matteo Salvini e da Luigi Di Maio alle elezioni europee con gli equilibri completamente ribaltati. Il Carroccio ieri 13 giugno ha sostenuto l'emendamento del Pd insieme alle altre opposizioni su Radio radicale, come se volesse testare la tenuta dei Cinque Stelle, riporta Il Giornale in un retroscena, e la tenuta psicologica di Di Maio che poi in un post su Facebook ha criticato la scelta della Lega di "regalare soldi a una radio privata" ma anche sottolineato che l'esecutivo non è in discussione.  Di Maio, però, sa che Salvini in privato con ogni probabilità sta già "facendo le prove generali" di un incidente che potrebbe scatenare la crisi di governo. Ed è molto preoccupato, in attesa che a metà luglio finalmente si chiuda la finestra elettorale di settembre-ottobre, termine ultimo, secondo il presidente della Repubblica Sergio Mattarella per una nuova legislatura e portare a casa la legge di Bilancio prima del 31 dicembre. Leggi anche: "Così non si può più andare avanti". Scelta drastica. Bomba europea, Salvini ha deciso: voto anticipato Una crisi ad agosto o dopo l'estate infatti difficilmente porterebbe alle urne. Per questo ha deciso di non mettere i bastoni tra le ruote a Salvini e concedergli tutto. Sperando di reggere il più possibile e tirare quindi oltre la metà di luglio. Nella speranza che poi anche Mattarella non esca indebolito dallo scandalo delle Procure.  

Dai blog