Cerca

patto giallorosso

Giuseppe Conte in Europa da Ursula von der Leyen: tasse e immigrazione, i temi sul tavolo

11 Settembre 2019

7
Giuseppe Conte vola a Bruxelles: "Il nuovo governo intende svolgere un ruolo primario nell'Ue"

Giuseppe Conte è arrivato a Bruxelles dove lo aspetta una serie di vertici delle istituzioni europee. Il nuovo governo giallorosso pare essere apprezzato all'estero. A darne la riprova (oltre alla nomina di Paolo Gentiloni come commissario agli Affari economici) una frase del premier bis, che su Facebook ha scritto: "L'Italia oggi è più forte, e con il nuovo governo intendiamo svolgere un ruolo di primo piano in questa fase di rinnovamento dell'Unione europea. La mia determinazione è massima e confido di poter riscontrare un elevato grado di convergenza con la nuova Commissione europea".

Dopo l'incontro con Ursula von der Leyen, presidente della Commissione Europea, Conte vedrà anche il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk, il presidente del Parlamento europeo David Sassoli, il presidente uscente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, e il presidente del Consiglio Ue designato, Charles Michel. Pronto a ricevere ordini? Probabilmente sì. "In Europa non abbiamo tempo da perdere - prosegue Conte - ritengo sia prioritario accelerare per raggiungere tre obiettivi fondamentali e strategici per l'Italia e gli interessi degli italiani: la modifica del Patto di stabilità a favore della crescita, il superamento del Regolamento di Dublino sui flussi migratori, un regime di misure e interventi straordinari che favoriscano la crescita e lo sviluppo del nostro Mezzogiorno". 

E ancora: "Occorre sostenere gli investimenti a partire da quelli ambientali e sociali nell'ottica di uno sviluppo sostenibile che dia nuovo impulso al mercato del lavoro italiano, evitando un'impostazione di bilancio pro-ciclica non adeguata alle prospettive economiche del continente". Infine il tema più delicato, quello sull'immigrazione: "Sul tema migratorio intendo continuare a lavorare strenuamente per una gestione multilivello, strutturale e non emergenziale dei flussi migratori, e raggiungere un'intesa su un meccanismo automatico di sbarchi e redistribuzione, con un'efficace politica europea dei rimpatri. Quanto al nostro Mezzogiorno dobbiamo provare a ottenere dall'Europa il riconoscimento di uno statuto speciale per poter varare misure straordinarie per lo sviluppo".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Paolo Schmidt

    11 Settembre 2019 - 15:03

    Conte, prima di Ursula, ossequia compasso e crocefisso. Senza queste due prerogative, non sarebbe dov'è adesso. E, visto da chi è appoggiato in parlamento, la domanda sorge spontanea: chi ha finanziato nascita e avvento dei 5stAlle...? Per avere risposta, chiedere a GS (ossia a Goldman Sachs)

    Report

    Rispondi

  • Napolionesta

    11 Settembre 2019 - 14:02

    Giuseppi il servo scocco di Bruxelles.

    Report

    Rispondi

  • SteveJO

    11 Settembre 2019 - 13:01

    Conte, l'uomo per tutte le stagioni, il gattopardo, trasformista dal passo felpato e dal linguaggio mite. È proprio la massima espressione del l'ambiguità politica. Con quanta disinvoltura è passato dal ruolo di garante del contratto tra M5s e Lega a quello di leader della alleanza tra i primi e il PD. E tutto nel giro di 10 giorni. Come non dubitare della sua imparzialità di garante.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Giorgia Meloni ad Atreju: "Matteo Renzi è campione mondiale di faccia di bronzo"

Scontri tra black bloc, gilet gialli e polizia alla marcia per il clima a Parigi, fiamme sugli Champs-Elysées
Matteo Salvini, chiesta archiviazione per la Gregoretti: "Vediamo se il tribunale dei ministri ribalta tutto"
Clima, Greta Thunberg all'Onu: "Noi giovani uniti e inarrestabili" 

media