Cerca

Scacco matto

Otto e Mezzo, Alessandro Sallusti zittisce Lilli Gruber: "Perché manovra da incubo?"

16 Ottobre 2019

1
Alessandro Sallusti, Lilli Gruber, Otto e Mezzo

Siamo nel salottino rosso di Lilli Gruber, a Otto e Mezzo su La7. Nella puntata di mercoledì 16 ottobre, il giorno successivo al varo, ovviamente si parla della manovra del governo M5s-Pd. Roberto Speranza la difende a spada tratta, Massimo Giannini la definisce "timida" ma non la boccia. Poi c'è Alessandro Sallusti. E la Gruber, un poco stupita, chiede come mai Il Giornale abbia parlato di "manovra da incubo" e come mai Sallusti sostenga che l'esecutivo "odia chi ce la fa", inteso come il ceto medio, il più colpito. E Sallusti ha gioco facile nel risponderle: "Più che una sensazione, l'aumento delle tasse è una certezza - premette -. Al netto della sterilizzazione dell'Iva, ci sono 12,5 miliardi in più di tasse compensati da 3 miliardi mal contati di cuneo fiscale e da qualcosa sul super-ticket sanitario. Aumentano le tasse di un paese che ha già un'imposizione fiscale tra le più alte d'Europa", sottolinea il direttore. Dunque Sallusti aggiunge: "La manovra mette tutto in carico alle partita Iva e al ceto medio: sarà un caso che oggi nessuno esulta? Nessuna categoria, nessun gruppo sociale". E la Gruber ha ben poco per replicare.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Karl Oscar

    17 Ottobre 2019 - 13:01

    cedolare secca aumentata al 12,50%, se l'avessero invece ridotta all'8% lo stato avrebbe incassato molto di più, 5S e PD pensano che aumentare le tasse produca più gettito, poverini ,essendo minus habens non ci arrivano, in compenso distruggeranno una nazione

    Report

    Rispondi

Open Arms, il video propaganda dopo l'indagine contro Matteo Salvini

Giuseppe Conte
Venezia, ecco come sarà il Mose una volta completato: immagini sorprendenti
Salvini ironizza su Zingaretti: "Dopo la riproposta dello Ius soli si è preso i 'vaffa' pure dagli alleati"

media