Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Matteo Salvini, Guido Crosetto gela il centrodestra: "Trionfale verso il voto? Sbagliate tutto: ho un timore"

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

L'ombra della tagliola giudiziaria su Matteo Salvini e il centrodestra. Guido Crosetto, fondatore di Fratelli d'Italia ed ex parlamentare, gela lo studio di Omnibus. Si parla di giustizia e magistratura, e il meloniano ("Ma oggi sono un pensatore libero", sottolinea) fa un ragionamento per certi versi inquietante: "Chi immagina un centrodestra gioiosa macchina da guerra, sbaglia. Temo - è la sua profezia - che interverrà un soggetto che spesso ha condizionato la nostra vita politica, le procure". Impossibile non pensare alla Spada di Damocle rappresentata, per esempio, dall'inchiesta sui presunti fondi russi della Lega. O altri "imprevisti" come l'indagine sulla Fondazione Open che sta azzoppando Matteo Renzi.   Leggi anche: Sondaggio Swg per Mentana, Lega unica a a crescere. Un fenomeno quasi irripetibile E sulla riforma della prescrizione sognata dal ministro della Giustizia grillino Alfonso Bonafede, Crosetto è categorico: "Si passerebbe dal fine pena mai al fine processo mai. Un processo lungo 30 anni andrebbe bene se un uomo vivesse 100 anni. Ma 30 su 80 no: la giustizia deve essere amministrata con tempi compatibili con la vita umana!".

Dai blog