Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sergio Battelli, Gianluigi Paragone picchia duro: "Zero curriculum, perfetto per un governo che scodinzola aspettando croccantini dalla Ue"

  • a
  • a
  • a

"Battelli è l'uomo giusto al posto giusto". Gianluigi Paragone fuori dal coro sull'ex collega grillino Sergio Battelli, da giorni al centro della polemica. La ragione è semplice: il pentastellato alla presidenza della Commissione Affari europei alla Camera dei Deputati, nonché l'uomo chiamato a gestire i soldi del Recovery Fund, ha la terza media. "Zero curriculum, zero conoscenza del mondo, zero esperienza, zero pensiero. Solo esecutori. Infatti con la precedente maggioranza giallo-verde digrignava i denti contro Bruxelles, con questa filo-europeista scodinzola aspettando i croccantini".

 

 

Per Paragone Battelli non è lì a caso, "Battelli è il perfetto politico bomboniera: dove lo metti sta senza far troppe domande". Ma c'è di più perché per l'ex grillino Battelli "non a caso è stato scelto da Luigi Di Maio, del quale si vanta di essere fedele scudiero. Anche Di Maio non ha esperienza, non ha curriculum". In sostanza Battelli non ha niente di più e niente di meno rispetto ai suoi colleghi. L'uomo giusto, al posto giusto, al momento giusto, sottolinea Paragone. Insomma, sì fuori dal coro. Ma l'ironia, tagliente, è evidente.

Dai blog