Cerca

Sostenibilita

Feste di Natale più ecosostenibili con il riciclo dei tappi di sughero

Il Consorzio Rilegno promuove il progetto 'Tappoachi?'

Oltre il 15% di essi viene stappato durante le festività natalizie e in particolare a Capodanno

20 Dicembre 2012

0
Feste di Natale più ecosostenibili con il riciclo dei tappi di sughero
Oltre il 15% di essi viene stappato durante le festività natalizie e in particolare a Capodanno

Roma, 20 dic. - (Adnkronos) - Ogni anno in Italia vengono immessi al consumo 1 miliardo e 200 milioni di tappi di sughero, equivalenti a 7 mila tonnellate di materiale. Oltre il 15% di essi viene stappato durante le festività natalizie e in particolare a Capodanno. Per rendere le feste più ecosostenibili basta un piccolo gesto: raccogliere i tappi di sughero, anzichè gettarli nella spazzatura. Il sughero infatti è un materiale duttile e prezioso, naturale al 100% ed è totalmente riciclabile, facilmente riutilizzato in diversi settori, dall'edizlizia (pannelli isolanti e fonoassorbenti, granulati), al comparto calzaturiero (tacchi e solette).

Per queste sue preziose caratteristiche è importante non disperdere nell'ambiente i tappi in sughero, ma raccoglierli per avviarli al riciclo. Per questo Rilegno, il Consorzio nazionale per la raccolta, il recupero e il riciclaggio degli imballaggi di legno e sughero, da alcuni anni promuove il progetto Tappoachi?, un'iniziativa organizzata in varie città italiane in collaborazione con i gestori di igiene urbana del territorio per la raccolta differenziata del sughero e il suo successivo avvio a riciclo.

A livello territoriale Tappoachi? si esprime attraverso protocolli di intesa e accordi con i gestori di igiene ambientale che si rendono disponibili ad aderire al progetto, seguendo la falsariga dei convenzionamenti che il consorzio Rilegno già attua a livello locale per il ritiro e il recupero dei rifiuti da imballaggi legnosi.

Ad oggi sono ancora cinque le regioni italiane dove si è sviluppato il progetto, concentrato particolarmente nel Nord e che vede nel Piemonte un vero e proprio caso virtuoso. Sono diversi, infatti, i comuni piemontesi, i gestori di igiene urbana e i territori che negli ultimi due anni hanno avviato la raccolta dei tappi.

Inoltre in Piemonte, nel comune di Boves (Cuneo), ha sede la cooperativa sociale Artimestieri, a tutt'oggi unico impianto a livello nazionale autorizzato al trattamento dei rifiuti di sughero secondo la normativa vigente, convenzionato con Rilegno.

Tappoachi? è dunque un progetto ecologico ed eco-sostenibile e ha anche un importante valore solidale: la cooperativa Artimestieri di Boves, infatti, per seguire il processo delle lavorazioni di riciclo, dà impiego a persone diversamente abili. Per aderire al progetto è necessario sottoscrivere, di intesa con Rilegno, il protocollo che disciplina l'avvio al riciclo dei tappi di sughero.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media