Cerca

Salute

La rabbia: ecco come combatterla

I consigli degli esperti

Cosa fare se il nostro gatto o cane manifesta i sintomi della rabbia
Combattere la rabbia

 

Evitare qualunque contatto con animali sconosciuti, sia selvatici che domestici, anche se sembrano socievoli; vaccinare il proprio cane o gatto; non adottare in appartamento animali selvatici; segnalare subito al veterinario eventuali cambiamenti peggiorativi del comportamento nel proprio cane o gatto. 

Sono solo alcuni dei consigli suggeriti dai massimi esperti del settore, come Stefano Marangon, direttore sanitario dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie (Izsve) e coordinatore scientifico di tutte le attività connesse alla campagna di vaccinazione orale delle volpi finalizzata a debellare la malattia.

Ricomparsa nella provincia di Udine nel 2008, la rabbia è una malattia infettiva causata da un virus che colpisce i mammiferi e può essere trasmessa all’uomo attraverso la saliva dell’animale infetto. “La ricomparsa della rabbia”, spiega Marangon, “è in stretta correlazione con la situazione epidemiologica della malattia in Slovenia e Croazia. In particolare, in  Croazia ci sono diversi focolai e, al momento, non sono in atto piani di vaccinazione, cosa che rappresenta un costante fattore di rischio di diffusione del virus”. 

Come assicurano gli esperti dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie e della Società italiana di medicina veterinaria preventiva, per tutto il 2012 proseguiranno altre due campagne di vaccinazione delle volpi, per far riacquisire all’Italia la qualifica sanitaria di territorio ufficialmente indenne e scongiurare qualsiasi altro rischio.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ivonno

    11 Novembre 2012 - 11:11

    I cacciatori ne avevano ridotto sensibilmente il numero di volpi, eliminando il rischio della rabbia,poi questi stupidi animalisti ne hanno liberate moltissime e questo è il risultato.

    Report

    Rispondi

  • ivonno

    11 Novembre 2012 - 11:11

    I cacciatori ne avevano ridotto sensibilmente il numero di volpi, eliminando il rischio della rabbia,poi questi stupidi animalisti ne hanno liberate moltissime e questo è il risultato.

    Report

    Rispondi

blog