Cerca

I conti non tornano

Governo, ipotesi nuova manovra dopo l'estate

Governo, ipotesi nuova manovra dopo l'estate

Una doppia batosta che fa tremare il governo. Prima i dati sulla crescita esigua del Pil, poi lo spread che schizza da 154 a 180 nello spazio di 24 ore hanno mandato k.o. Renzi e Padoan. I dati sull'economia italiana smascherano finalmente le televendite di Renzi. Dietro il programma del governo c'è il nulla e dunque dopo la mancia di 80 euro pre-voto del 25 maggio, l'estate e l'autunno per gli italiani saranno in salita. Il governo infatti ha fatto male i conti. Secondo l'Istat il bonus Irpef non rilancerà i consumi. Genererà solo 1,5 miliardi di crescita, il resto verrà messo da parte dagli italiani per far fronte alle spese e alle tasse. Così lo spot del bonus che tanto piace al premier è andato in fumo. E per fare cassa il governo prepara altre manovre.

Nuova manovra - Come racconta Affaritaliani, stando a fonti vicine al capo dell'esecutivo, qualora anche il secondo trimestre di quest'anno evidenziasse una flessione del Pil si renderebbe necessario un forte e stringente controllo delle coperture e delle spese. Non solo. Con un prodotto interno lordo negativo sarebbe a rischio il rispetto degli impegni con la Commissione europea e, per rispettare il rapporto deficit-Pil e per rispettare i parametri sul debito pubblico a settembre, come regalo per gli italiani che tornano dalle vacanze, potrebbe diventare inevitabile una manovra economica di aggiustamento dei conti. Il conto è presto fatto: nuove tasse in arrivo.

Ancora tasse - Il governo prepara ulteriori tagli alla spesa (nel mirino sanità, scuola, enti locali, comparto della difesa e della sicurezza solo per fare qualche esempio) o addirittura nuove tasse per trovare quei fondi che verrebbero meno a causa di una crescita inferiore alle aspettative. Insomma Renzi dovrà mettere ancora le mani nelle tasche degli italiani. E probabilmente il primo punto che verrà affrontato dal governo è quello del canone Rai. La riforma della gabella più odiata dal Paese potrebbe portare nelle casse dell'erario quelle risorse che gli 80 euro hanno mandato in fumo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dplucia

    28 Maggio 2014 - 18:06

    Aspettiamo: il tempo è galantuomo: se fra qualche mese la produzione e l'occupazione cresce, il governo sta facendo centro.Per incentivare i giovani a prendere un lavoro fuori dalla loro residenza, di qualsiasi tipo, si dovrebbe offrire loro un alloggio dello Stato o del Comune a basso affitto, altrimenti, con le paghe misere, che cosa ti rimane?

    Report

    Rispondi

  • Gianpaoloantonio

    24 Maggio 2014 - 08:08

    I detrattori la chiamano mancia. Vi ricordo che per un rinnovo contrattuale qualsiasi, vengono fatte ore e ore di sciopero con i conseguenti danni e per i "padroni" che per i dipendenti e con aumenti in busta paga che non hanno mai superato i 50,00 euro mensili; 80 euro sono altro che mancia ma una vera e propria fortuna.

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    20 Maggio 2014 - 15:03

    Tagliarvi gli stipendi? Segare le pensioni d'oro, i vitalizi? Troppo facile, vero: meglio tartassare ancora gli italiani fin che si può... storia vecchia

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    20 Maggio 2014 - 15:03

    Se dovessero mettere la patrimoniale ( che già c'è!!!!) noi dobbiamo reagire NON CONSUMANDO PIU', Non comprando più niente, siamo noi che dobbiamo muoverci, non ci protegge nessuno! Se, appena entrò l'euro e raddoppiarono i prezzi, avessimo fatto lo sciopero degli acquisti non saremmo arrivati a questo punto: i prezzi continuano a crescere di parecchio e stipendi e pensioni sempre gli stessi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog