Cerca

I dati

L'evasione non si ferma: Bandiera nera per Sicilia e Calabria, peggiora il Nord

L'evasione non si ferma: Bandiera nera per Sicilia e Calabria, peggiora il Nord

Da quando è iniziata la crisi il divario fra consumi e reddito è aumentato: consumiamo più di quello che dichiariamo, in quanto persone fisiche. Tale differenza è sintomatica del rischio di evasione, perchè è come dire: sosteniamo un tenore di vita incoerente, che non ci potremmo permettere, stando a quanto dichiariamo come imponibile.

Nord-Sud - Nell'anno di imposta 2012 i contribuenti hanno dichiarato al Fisco 800,4 miliardi di redditi, a fronte di 962,7 miliardi di consumi finali (dati Istat). Ci sono 160 miliardi in ballo, il che significa, banalmente, che per ogni 100 euro dichiarati, gli italiani nel 2012 ne hanno spesi circa 120. Non solo, se il divario è più alto in Calabria, Sicilia, Valle d'Aosta e Campania ma è sceso rispetto al 2007 (anno pre-crisi) perché sono scesi allo stesso tempo i consumi, lo stesso non si può dire di quasi tutte le regioni del centro nord. In Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Toscana e (anche se meno) in Veneto, Liguria e Friuli Venezia Giulia il suddetto divario è cresciuto. Questo significa che la spesa della famiglie è scesa meno dei redditi.

Salva Italia - Con l'intento di ristabilire il rapporto fra i redditi nascosti e la ricchezza accumulata, nel 2011 la manovra "Salva Italia" del 2011 aveva istituito una super anagrafe dei conti correnti, con l'obiettivo di arrivare a liste dei contribuenti chiare, in modo da controllare con più precisione i papabili evasori, per sottoporli poi, a controlli successivi. Piano che ruotava attorno al famoso redditometro, ma l'anti evasione è un fenomeno più vasto, che non si esaurisce soltanto nei controlli da effettuare.

Riscossione - Al di là delle strategie adottate per risalire ad eventuali evasori c'è poi il problema della riscossione. E qui i dati sono particolarmente sconfortanti. L'effettiva possibilità di recuperare le somme contestate agli evasori sono risibili: secondo un'ultima relazione della corte dei Conti, nei tredici anni trascorsi dal 2000 al 2013 sono stati recuperati 6,1 miliardi su 633, (l'11,5%). Detta con cifre più alla portata di mano, e di portafoglio, se un evasore, beccato con le mani nel sacco, deve pagare 100 euro allo Stato, lo Stato in media riesce a recuperarne poco più di dieci. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giorgio_collarin

    29 Settembre 2014 - 03:03

    e la Casta? i politici dovrebbero presentare all'inizio del loro servizio pubblico la dichiarazione dei redditi; quando lasciano - ma questa e' una utopia - verificare se c'e' un arricchimento indebito!!! e mandarli in galera!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • encol

    13 Agosto 2014 - 11:11

    E la mappa dei mega- sprechi e degli indecenti emolumenti alla casta, quando la fate???? Mai perchè toccano le vostre tasche,

    Report

    Rispondi

  • patriziotomasetti

    12 Agosto 2014 - 15:03

    a Venezia, tutti sanno che una licenza di taxi acqueo costa circa 800.000€,ne deduciamo che il reddito è proporzionale al costo d'acquisto, i conducenti nella maggioranza, hanno vetture che costano....un po,conducono vite ....dispendiose,ferie in paradisi tropicali, alloggiano in case comunali(non tutti per fortuna)danneggiano rive e fondamenta(altro che grandi navi)Pagano le tasse?

    Report

    Rispondi

  • tunnel

    12 Agosto 2014 - 13:01

    Avete visto che la crisi in Italia è tutta colpa dell'EURO....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog