Cerca

Patrimonio a 10 zeri

Super-ricchi triplicati dal 2000: ecco chi sono i Paperoni italiani

Super-ricchi triplicati dal 2000: ecco chi sono i Paperoni italiani

La crisi? Non è certo roba da ricchi. A guardare le stime del Wealth Report 2014 del Credit Suisse, il vento della recessione non è soffiato per chi, nel mare della crisi, riesce a scansare le correnti avverse e a far fruttare il proprio patrimonio. E così, secondo quanto rivela affaritaliani.it nel mondo i super-ricchi, e cioè le persone che possiedono oltre 50 milioni di dollari, sono triplicati dal 2000. Non si direbbe nemmeno che nel mezzo sono cadute le Torri Gemelle con terribili conseguenze sui mercati finanziari e c'è stata la terribile crisi dei mutui subprime americani che ha originato una seconda Crisi del '29 con strascichi dolorosissimi nell'Europa bloccata poi dalla crisi del debito.

L'Italia è sesta - Nel 2014, gli esperti rossocrociati hanno censito 128.000 super ricchi, di cui 63mila (il 49%) sono concentrati negli Usa, il 24% in Europa e il 20% in Asia Pacifico. L'Italia è sesta con 3.322, il 2,6% del totale. Non va meno bene anche ai ricchi, chi dispone cioè di un milione di dollari di patrimonio. Sempre secondo il Credit Suisse sono 34,9 milioni di persone, di cui il 4,58% (1,38 milioni) sono italiani e il 40,66% (14,1 milioni) sono americani.

La rricchezza mondiale cresce - Nel rapporto si rende noto che tra il 2013 e il 2014 la ricchezza mondiale è cresciuta dell'8,3%, arrivando a 263 mila miliardi di dollari, il 20% in più rispetto ai livelli pre-crisi e il 39% in più rispetto al livello minimo toccato nel 2008. La ricchezza media è cresciuta soprattutto negli Usa, dove si concentra il 34,7% del totale pari a 91 mila miliardi di dollari (+11,4% in media ogni anno), seguita dall'Europa, che raccoglie il 22% della ricchezza mondiale, pari a 85 mila miliardi (+10,6% in media l'anno).

I Paperoni italiani - Queste le cifre. Ma quali sono i volti dei mega Paperoni italiani il cui patrimonio è di oltre 10 zeri? L'autorevole rivista americana Forbes piazza sul podio Mr Nutella e cioè Michele Ferrero e famiglia con una ricchezza personale di oltre 20,423 miliardi di dollari, medaglia d'oro, seguita dal patron di Luxottica Leonardo Del Vecchio con 15,349 miliardi, medaglia d'argento e bronzo che va invece a Miuccia Prada, con 12,478 miliardi di patrimonio.

I Paperoni italiani, continua - Seguono poi Giorgio Armani (8,5131 miliardi), Patrizio Bertelli (marito di Miuccia Prada, con 6,71 mld), Stefano Pessina (6,4189 miliardi fondatore di Alliance&Boots), Silvio Berlusconi (6,2194 miliardi), Paolo e Gianfelice Rocca (proprietari del colosso Techint, con 6,1195 miliardi di patrimonio), Augusto e Giorgio Perfetti (5,248) e il fondatore di Diesel Renzo Rosso (3,458 mld).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zydeco

    16 Ottobre 2014 - 00:12

    Giornalista pasticcione che confond milioni e miliardi.

    Report

    Rispondi

  • piero1939

    15 Ottobre 2014 - 15:03

    facciamo fare un prestito allo stato da tutti e proporzionato al capitale posseduto. restituito in 10 anni detratto alle tasse

    Report

    Rispondi

  • totareo

    15 Ottobre 2014 - 13:01

    chi se ne frega. se fanno soldi rispettando le regole pagano le tasse buon per loro.

    Report

    Rispondi

    • gigi primo

      15 Ottobre 2014 - 14:02

      è giusto! quello che mi da fastidio è composto dalla massa di dipendenti pubblici che guadagnano oltre il decente limite del privato! e sono tanti, come i tecnici dei comuni italiani! tenete conto che sono loro i maggiori colpevoli dei dissesti ambientali, non i sindaci che possono cambiare dopo cinque anni, quelli rimangono per decenni e decenni! vedi Genova!

      Report

      Rispondi

  • fausta73

    15 Ottobre 2014 - 13:01

    A noi "poveracci" non dà fastidio la ricchezza altrui, ma come sono diventati ricchi.

    Report

    Rispondi

    • frabelli

      15 Ottobre 2014 - 13:01

      Negli anni d'oro, quando tutti facevano i weekend, ponti vacanza, ferie invernali ed estive, loro lavoravano 12 ore o più al giorno, non andavano in vacanza e non c'era né sabato né domenica?!

      Report

      Rispondi

blog