Cerca

I conti

L'embargo a Mosca ci costa 1,2 miliardi

L'embargo a Mosca ci costa 1,2 miliardi

È di cento milioni al mese il conto che l’export italiano sta pagando all’embargo deciso contro la Russia per la crisi ucraina. E se a questo si aggiunge il crollo del rublo legato anche allo sgonfiamento del prezzo del petrolio che rende il made in Italy molto più caro per il consumatore russo, si capisce come le aziende legate a doppio filo a quel mercato continuino a lanciare segnali allarmanti.

Ieri Coldiretti ha sottolineato come a novembre le esportazioni di prodotti italiani in Russia sono crollate del 23,2%. Il calcolo è stato effettuato scorporando il dato dalle tabelle Istat sull’intero export nazionale. Se il trend sarà mantenuto, sottolinea Coldiretti in una nota, l’Italia avrà perso nel 2014 almeno 1,2 miliardi di export in Russia, pari a 100 milioni al mese. Le tensioni tra l’Occidente e la Russia sono iniziate lo scorso febbraio con la crisi in Crimea e peggiorate ad aprile con l’Ucraina. La situazione si è progressivamente deteriorata nella seconda parte dell’anno.

Ed è proprio l’agroalimentare uno dei settori più colpiti visto che l’embargo ha vietato l’ingresso in terra russa di un paniere di prodotti in cui l’interscambio è (era) particolarmente rilevante: frutta e verdura, formaggi, carne e salumi ma anche pesce.

Nel comunicato si sottolinea come nei primi dieci mesi rispetto allo scorso anno le esportazioni sono calate in media del 10,5%, con cali anche più pesanti che hanno interessato alcuni settori chiave, dall’agricoltura (-25,8%) alle automobili (-45,4%), dai mobili (-7,5%) all’abbigliamento e accessori (-15,2%) fino agli apparecchi elettrici (-5,2%).

E questi sono i danni provocati finora principalmente dall’embargo. Con la perdita del potere d’acquisto del rublo nei confronti dell’euro, è logico aspettarsi un netto ridimensionamento delle presenze turistiche russe per il 2015. Cosa che comporterà danni rilevanti non solo per le strutture alberghiere ma, ancora una volta, anche per quel made in Italy che i turisti russi acquistavano nei nostri negozi. Non è infatti un segreto che proprio i turisti provenienti dalla Russia sono tra i migliori clienti di quei negozi anche di alta gamma. Le previsioni per il 2015 fatte per il settore turistico, vedono un calo delle presenze russe sul mercato italiano, di circa il 50%. Dovrebbero riuscire a mettere una pezza le mete top (Versilia, Sardegna e Liguria), limitando il danno a -30%. E questo perché i turisti tussi che frequentano questi luoghi hanno una capacità di spesa superiore alla media. I ricchi e i benestanti russi, insomma, seppure anche loro colpiti dalla svalutazione della moneta, riescono a mantenere una capacità di spesa sufficiente per permettersi il “lusso” di una vacanza nelle nostre spiagge più rinomate.

Tornando all’agroalimentare c’è da sottolineare un aspetto non secondario relativo alla perdita d’immagine che i Paesi coinvolti in modo attivo nell’embargo hanno subito nei confronti dei consumatori russi.

Coldiretti ha infatti sottolineato come la scomparsa dagli scaffali dei prodotti made in Italy ha provocato una proliferazione di merci tarocche: «Dal salame Italia alla mozzarella «Casa Italia», dall’insalata «Buona Italia» alla Robiola Unagrande, ma anche la mortadella Milano o il parmesan Pirpacchi tutti rigorosamente realizzati nel Paese di Putin».

di Antonio Spampinato

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    27 Dicembre 2014 - 12:12

    la difesa dei principi dell'occidente democratico non ha prezzo, e non solo a breve termine ma sopratutto a medio-lungo termine. Su queste cose non si scherza. Attenzione: un idiota comunista che controlla armi nucleari e' una minaccia al benessere dell'occidente.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    27 Dicembre 2014 - 02:02

    l'unico folle qui è Putin, non di certo l'embargo, imparate a non fare i servi dei terroristi, dei pedofili, dei corruttori, dei mafiosi, dei camorristi, e vedrete che scoprirete un mondo migliore

    Report

    Rispondi

  • vendita.web.13

    26 Dicembre 2014 - 22:10

    Con il nostro stato in crisi ci permettiamo di pagare prezzi cosi alti per le fisse degli USA e del UE.

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    26 Dicembre 2014 - 16:04

    povero il nano di arcore dopo tutte le sue perdite ci voleva pure la svalutazine del rublo.come fara' adesso con i milioni di euri investiti con il suo amico putin e quando li recuperera'? mai. facendo due calcoli ha investito 500.000.000 milioni sulla gazprom,altri 500.000.000 sul gas,il rublo svalutato del 50% cosa gli rimane? noccioline.

    Report

    Rispondi

    • Raskolnikov

      27 Dicembre 2014 - 11:11

      Poveri voi ossessionati e accecati dall'odio. Il bello è che purtroppo siete voi che comandate adesso e ci mandate alla rovina anche a noi

      Report

      Rispondi

    • Raskolnikov

      27 Dicembre 2014 - 11:11

      Certo che siete davvero ossessionati. Anzichè riflettere sull'articolo e sulle conseguenze per noi cittadini italiani della folle politica antirussa che provoca solo perdite , pensate sempre a Berlusconi , che vi ispira tutti questi scenari. L'odio acceca. Gli italiani si sono rovinati da soli perché accecati dall'odio non hanno visto e hanno fatto il gioco dei tedeschi e soprattuttdegli americani

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog