Cerca

Ricerca di Mediobanca

Milano piange, negli ultimi dieci anni
è stata la peggior Borsa del mondo

Dal 2002 a oggi Piazza Affari ha lasciato sul campo il 5,6% per colpa soprattutto dei titoli bancari. Nello stesso periodo, Wall Street ha fatto +187% e Francoforte +129%

Milano piange, negli ultimi dieci anni
è stata la peggior Borsa del mondo

Certo, negli ultimissimi tempi le cose sono andate un po' meglio. Ma l'analisi degli ultimi dieci anni vede la Borsa di Milano come la peggiore al mondo. E l'unica con segno negativo. L'indagine, con riferimento il periodo dicembre 2002-ottobre 2013, è stata realizzata dall'ufficio studi di Mediobanca. Le borse migliori sono di gran lunga quelle del nuovissimo mondo, con il primato assoluto per Jakarta, cresciuta del 957% complessivo e un ricco rendimento medio annuo del 24%. La Borsa indonesiana è seguita da Città del Messico (+558%), Mumbai (+511%) e San Paolo (+396%). Seguono quelle del Sudafrica (+378%), russa (+317%) e coreana, con Seul cresciuta del 224%. 

La prima prima Borsa occidentale è quella di Copenhagen (+190%) e subito dopo viene Wall Street (+187%). Tra le altre europee Francoforte ha guadagnato il 129% mentre Londra è salita dell’85%. Madrid nonostante l’esplosione della bolla immobiliare porta a casa un aumento del 59%, Parigi del 55% mentre Milano è l’unica con segno meno, accusando un calo del 5,6% nel periodo e un rendimento annuo negativo dello 0,5%, in gran parte dovuto all’indebolimento dei titoli bancari. Non va meglio sul piano della capitalizzazione: Piazza Affari, che ora pesa per lo 0,9% mondiale, è scesa al 23esimo posto mondiale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    24 Ottobre 2013 - 10:10

    siamo fuori dal cerchio G8 e presto lo saremo da tutte le organizzazioni che contano. Con questa classe dirigente NON si va da nessuna parte.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    23 Ottobre 2013 - 20:08

    uno dei loro. Ecco i guai di Silvio al potere. Ora vengono fuori tutti e noi lo prendiamo in quel posto.

    Report

    Rispondi

blog