Cerca

Aziende in fuga

Marchionne "evade"
La Fiat non pagherà più
le tasse in Italia

L'amministratore delegato presenterà la proposta di trasferire la sede fiscale in Gran Bretagna. La Fiat sarà quotata a New York

Sergio Marchionne

Sergio Marchionne

Sergio Marchionne, presenterà al consiglio di amministrazione del Lingotto che si riunirà nei prossimi giorni una proposta anticipata oggi dal Wall Street Journal che prevede il trasferimento della sede fiscale del gruppo che nascerà dalla fusione fra Fiat e Chrysler in Gran Bretagna e la quotazione della stessa a New York. In pratica non un euro di tasse verrà versato all'Italia. Il domicilio fiscale in Gran Bretagna consentirebbe a Fiat e Chrysler di pagare meno tasse sui dividendi. E la maggior beneficiaria di questo sarebbe Exor. Il listing a New York, invece, rifletterebbe la possibilità di un maggiore e più facile accesso al mercato dei capitali.

L'idea dell'amministratore delegato sarà valutata dal consiglio di amministrazione di Fiat nei prossimi giorni, prima ancora della diffusione dei risultati del quarto trimestre e del 2013. Gli analisti stimano per Fiat e Chrysler un utile netto combinato in lieve aumento a 400 milioni di euro per il quarto trimestre e una flessione del 24% a 1,07 miliardi di dollari per il 2013. Una flessione - afferma il Wall Street Journal - imputabile ai problemi di Fiat in Europa, dove il Lingotto si trova a far fronte a vendite deboli. "I risultati rifletteranno un'inversione dei ruoli per le due case automobilistiche. Chrysler è stata trainata fuori dalla bancarotta da Fiat, ma ora le attività americane sostengono" la casa italiana.

La proposta di Marchionne arriva a poche settimane dall'accordo con il Veba per rilevare la restante quota di Chrysler e precede la presentazione del piano industriale, nel quale Fiat illustrerà - mette in evidenza il Wall Street Journal - i dettagli del rilancio di Alfa Romeo, soprattutto negli Stati Uniti. Fiat nel piano dovrebbe anche specificare come raccoglierà fondi per realizzare le sue iniziative. Gli analisti prevedono che sarà raccolto almeno un miliardo di euro, perchè nè Fiat nè Chrysler producono abbastanza cash per finanziarsi da sole. «Fiat e Chrysler si trovano in una posizione più debole rispetto alle rivali perchè hanno un portafoglio prodotti più limitato e quote inferiori nei mercati tradizionali. Inoltre sono state anche più lente a espandersi nei mercati emergenti come la Cina».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zccprb

    29 Gennaio 2014 - 16:04

    Perché non vengono adeguate le aliquote degli altri stati? Forse per mantenere in vita carrozzoni di nullafacenti ?

    Report

    Rispondi

  • zccprb

    29 Gennaio 2014 - 16:04

    Perché non vengono adeguate le aliquote degli altri stati? Forse per mantenere in vita carrozzoni di nullafacenti ?

    Report

    Rispondi

  • fab pittana

    28 Gennaio 2014 - 00:12

    ....manovra piu' che intelligente,in Italia scoraggiano tutti gli investimenti essendo un paese cripto comunista, in piu' con un ministo Zanonato, PCI doc, cosa speravano,una mano....?,come alla Zanussi.... ? Miserere nobis !

    Report

    Rispondi

  • Napolionesta

    27 Gennaio 2014 - 17:05

    mondo sono rimasti solo pochissimi paesi comunisti, e loro stanno morendo di fame, qui da noi in italia ci sono ancora dei fessi che continuano a pensare col cervello comunista ma volere vivere da capitalisti,ma finche`voteranno alla sinistra saranno condannati a dipendere dai centri sociali e tessere di partito per potere continuare a parassitare.saluti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog