Cerca

Il costo della vita

Gas e luce: una famiglia spende in media 1500 euro

Regione per Regione chi paga di più per riscaldamento e illuminazione. Molti per sfuggire al caro-bolletta cambiano operatore

Gas e luce: una famiglia spende in media 1500 euro

 

Un anno durissimo. Nel 2013, solo per la luce e il gas, una famiglia media ha speso quasi 1500 euro per pagare le bollette. A fare i calcoli è stato Facile.it: Il 2013 è stato un anno in cui gli italiani hanno stretto la cinghia, pur di pagare tutte le bollette: luce e gas, insieme, sono costate alla famiglia media quasi 1.500 euro. 

 

Gas carissimo -  Nel 2013 è stata la spesa relativa al gas quella ad avere un impatto maggiore sul budget familiare: 990 euro la media nazionale, a cui gli italiani hanno cercato di far fronte cambiando operatore nel 4,5% dei casi. Non tutta l’Italia, ad ogni modo, si trova nelle stesse condizioni, anche perché le differenze climatiche determinano un bisogno differente di riscaldamento dell’abitazione. Le regioni che hanno dovuto pagare di più sono a Nord: in Valle d’Aosta sono stati spesi quasi 1.500 euro, mentre in Piemonte circa 1.250 ed in Emilia Romagna 1.160 euro. Fanalino di coda nella classifica delle spese per il gas le regioni del Sud Italia: in Sicilia e in Campania si spendono mediamente 780 euro all’anno.

Voglia di cambiare - Se questi sono i costi come reagiscono gli italiani? A fronte di un tasso di cambio operatore pari al 4,5%, le regioni che mostrano una propensione maggiore a scegliere un operatore diverso sono la Toscana, l’Umbria, l’Abruzzo e il Molise, tutte attorno al 6%. Più restii al cambiamento, di contro, sono il Trentino Alto Adige e la Valle d’Aosta: sottoscrivono contratti con un nuovo fornitore solo il 2% delle famiglie di queste regioni. 

Il costo della luce - Per quanto riguarda le spese da sostenere per usufruire di energia elettrica la media nazionale è pari a circa 500 euro annui. Pur pesando questa voce in misura minore, Facile.it registra una volontà maggiore di risparmio: la percentuale di famiglie che hanno cambiato nel corso dell’anno è del 6%, che sale fino all’8% in regioni come Calabria e Sicilia, in cui il peso delle bollette salate si ripercuote su stipendi mediamente più bassi che altrove. Minore interesse a cambiare, ancora una volta, in Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta (4%). Guardando, poi, alla spesa annua media, giocoforza è la Sardegna a svettare prima in classifica: non essendo metanizzata, sopperisce alla mancata presenza di gas con un uso più elevato di energia elettrica, che implica un costo pari a 630 euro annui. La seguono, a lunga distanza, le Marche (540 euro annui) e il Lazio (530 euro). Spendono meno Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige, a spiegazione del loro scarso interesse a testare operatori diversi. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • deltabravo

    04 Febbraio 2014 - 10:10

    Già paghiamo e dobbiamo subire ingiustizie e sopprusi da questa classe politica inetta e affamata solo di tasse tasse e soldi da rimpinzare le loro casse dei partiti incapaci di vedere oltre il loro naso ma abili nel rubarci a tutto spiano denaro senza che essi facciano nulla verso gli italiani dobbiamo dire basta e basta vuol dire mandarli tutti a casa senza una lira e richiedere il mal tolto a loro e alla loro famiglia e accoliti vari poi li voglio sentire come beleranno questi lupi travestiti in tutte le maniere occhio fra non molto potrebbe capitare anche a voi quello che ci state facendo subire impunemente.

    Report

    Rispondi

  • deltabravo

    04 Febbraio 2014 - 10:10

    Già paghiamo e dobbiamo subire ingiustizie e sopprusi da questa classe politica inetta e affamata solo di tasse tasse e soldi da rimpinzare le loro casse dei partiti incapaci di vedere oltre il loro naso ma abili nel rubarci a tutto spiano denaro senza che essi facciano nulla verso gli italiani dobbiamo dire basta e basta vuol dire mandarli tutti a casa senza una lira e richiedere il mal tolto a loro e alla loro famiglia e accoliti vari poi li voglio sentire come beleranno questi lupi travestiti in tutte le maniere occhio fra non molto potrebbe capitare anche a voi quello che ci state facendo subire impunemente.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    03 Febbraio 2014 - 19:07

    Tra i vari costi di produzione ricade anche il costo dell'energia. L'energia, nel notro paese, ha un costro triplo, in media, di quello di altri paesi comunitari e questo perchè ci siamo perennemente rifiutati di varare un piano energetico nazionale credibile, sostenibile a basso costo e a basso impatto ambientale. Ci siamo incartati dietro l'ecologia per nascondere affari poco chiari. Abbiamo regalato soldi ai cinesi, invece di creare un'industria dell'energia verde made in Italy. Abbiamo rinunciato al nucleare, per il cui smaltimento stiamo ancora pagando, senza peraltro decidere come sostituire questa fonte di energia. L'energia per un paese moderno è la vita, solo noi, tra i paesi civili, non abbiamo una vera politica energetica. Forse, invece di continuare a tagliare gli stipendi, se si tagliassero le bollette con le dovute politiche energetiche, molti imprenditori non scapperebbero e le famiglie non vivrebbero l'arrivo delle bollette come un'incubo. Altro che legge elttorale!

    Report

    Rispondi

  • seve

    03 Febbraio 2014 - 14:02

    E questo sarebbe il piano di Letta per il rilancio dell'Italia .Ma si rende conto questo personaggio strano e sussiegoso che va dicendo balle a cui nessuno è più disposto a credere? Si rende conto che così non continua più? Io dico di no ,abbiamo a che fare con u nulla di fatto pericoloso e inaffidabile Lui e il Saccodanni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog